Libertà di stampa

3 maggio. Lirio Abbate, aiutiamo i cronisti e restare vivi

Il grazie del vicedirettore de L’Espresso a Ossigeno che “da voce e sostegno ai giornalisti minacciati”. Le querele temerarie il bavaglio utilizzato dagli “acculturati” 

“Dunque è sempre meglio ricordarli da vivi, i giornalisti che subiscono minacce, ricordarli e stare accanto ad ognuno di loro, ai piccoli e ai grandi giornalisti, invece di piangerli quando sono morti”. Lo ha detto con amara ironia Lirio Abbate – vicedirettore de L’Espresso e socio di Ossigeno – concludendo l’intervento pronunciato il 3 maggio, in occasione della cerimonia in memoria delle vittime innocenti delle mafie e dei giornalisti uccisi a causa del loro lavoro, organizzata da Ossigeno per l’Informazione presso la casa del Jazz di Roma, in collaborazione con l’Agcom e con il patrocinio dell’Unesco, per celebrare la Giornata Mondiale della Libertà di Stampa.

Lirio Abbate ha ricordato che “informare vuol dire documentare un fatto” e ha spiegato perché alcuni cronisti subiscono minacce. “Quando un giornalista documenta un fatto, chi è dalla parte del torto spesso si arrabbia” e reagisce attaccando o ricorrendo a querele temerarie per “imbavagliare il giornalista con le carte bollate”. Le querele temerarie – ha ricordato il cronista che da anni vive sotto scorta – per i grandi gruppi editoriali sono un costo, ma non sono un grosso problema. Invece lo sono per i piccoli editori e i freelance. Alimentano l’autocensura ed è per questo che è necessaria una legge che le impedisca, come ha detto anche il senatore Pietro Grasso”.

“Dico grazie a Ossigeno per l’Informazione che in questi anni è riuscito a dare voce e sostegno a tutti quei giornalisti italiani vittime di intimidazione. Un lavoro che l’Osservatorio sta proseguendo con l’aiuto di Ordine e FNSI che sono accanto a questa idea nata da Alberto Spampinato, il quale ha vissuto sulla propria pelle, prima di noi, nella sua famiglia, questa brutta esperienza,  che poi ha utilizzato per aiutare altri giornalisti”.

RDM


Aiutaci anche tu a produrre Ossigeno per l’informazione. Puoi farlo nel modo più semplice in tre modi. 1. Scrivendo il nostro codice fiscale 97682750589 sulla tua dichiarazione dei redditi per assegnare il 5 per 1000 alla nostra ONLUS. Così ci fai una donazione senza spendere un euro. 2. Facendo  una donazione via web a Ossigeno e beneficiando di una detrazione fiscale (leggi). Facendo circolare le notizie e i dati di Ossigeno per rompere il muro del silenzio e dell’indifferenza contro gli attacchi al diritto di dire e di sapere ciò che accade.

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.