Aggiornamenti

In Sicilia assolto in appello l’editore di Centonove

Enzo Basso era accusato di appropriazione indebita. Da qui erano scaturite l’accusa di bancarotta fraudolenta, l’arresto, il sequestro preventivo e la vendita all’asta del giornale


MESSINA – La Corte d’Appello di Messina il 2 ottobre 2018 ha assolto “perchè il fatto non sussiste” il direttore ed editore del settimanale Centonove, Enzo Basso, dall’accusa di appropriazione indebita.

Basso era accusato, nella qualità di amministratore unico e legale rappresentante della società ‘Editoriale Centonove Srl’, di essersi appropriato indebitamente di alcune migliaia di euro, ma i magistrati non hanno ravvisato suoi comportamenti fraudolenti.

La successiva inchiesta che portò poi all’arresto del giornalista lo scorso novembre con l’accusa di bancarotta fraudolenta, falso in bilancio e frode fiscale partiva da questa prima indagine.

In quell’occasione il settimanale Centonove fu sequestrato preventivamente e nel febbraio 2018 fu messo all’asta senza che fosse nominato un direttore responsabile. Il giornale sospese le pubblicazioni (leggi).

(ANSA)

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Sentitevi liberi di contribuire!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.