Questo episodio rientra tra le violazioni verificate da Ossigeno per l'Informazione

Violazioni verificate

Aversa. La Rampa scrive: “Fra gli arrestati un parente del sindaco” e riceve insulti

Il direttore del notiziario si è rivolto a Ossigeno. Dice: non è la prima volta, non abbiamo denunciato perché altre volte non è servito a nulla

OSSIGENO 17 dicembre 2020 – Il 20 ottobre 2020 la testata giornalistica online, La Rampa, e il suo direttore Stefano Montone sono stati minacciati e insultati su Facebook, nei gruppi della città di Aversa e sull’account della testata. “Ti faccio saltare i denti” e poi una serie di insulti e di attacchi per screditare la professionalità del giornalista e del giornale: questi i toni utilizzati per gli attacchi provenienti – ha spiegato Stefano Montone a Ossigeno – sia da profili appartenenti a persone conosciute sia da account fittizi. “Noi – ha aggiunto – li chiamiamo ‘cani sciolti’ del web”.

Probabilmente, a far risentire gli odiatori della Rete, è stata una notizia pubblicata da La Rampa il giorno precedente, il 19 ottobre, relativa all’arresto di cinque persone per usura ed estorsione, aggravate dal metodo mafioso. La Rampa – precisa sempre il direttore  – “ha pubblicato il comunicato diffuso dalle forze dell’ordine, aggiungendo il particolare che tra gli arrestati c’era il suocero del sindaco di Aversa, Alfonso Golia” (che un mese dopo è stato scarcerato).

Le indagini erano partite dopo il ritrovamento del cadavere di un uomo, un imprenditore, che – per gli inquirenti – si è suicidato perché vittima di usura ed estorsione da parte di alcuni individui legati a un clan di Villaricca (Napoli).

Stefano Montone non ha presentato una denuncia formale per gli insulti ricevuti. “Altre volte lo abbiamo fatto ma è servito a nulla. Non abbiamo cavato un ragno dal buco”, ha spiegato a Ossigeno.

RDM

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Sentitevi liberi di contribuire!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.