Libertà di stampa

Basta impunità! Pappagallo (ASR), introdurre il reato di ostacolo all’informazione

Insieme a Ossigeno lo abbiamo proposto al parlamentari. Sarebbe un deterrente formidabile contro le intimidazioni e le violenze ai danni dei giornalisti

OSSIGENO 1 novembre 2021 – Lazzaro Pappagallo, giornalista, segretario dell’Associazione Stampa Romana, offre questo contributo alla discussione pubblica promossa che avrà luogo il 3 novembre a Siracusa vedi il programma, per rispondere a questa la domanda: oltre a protestare, che cosa si potrebbe fare per fermare l’impunità per i reati contro i  giornalisti? 

L’Associazione Stampa Romana condivide lo spirito con il quale l’Unesco e Ossigeno per l’Informazione intendono celebrare quest’anno la Giornata mondiale dell’Onu per fermare i crimini contro i giornalisti: passare dalle parole ai fatti, dall’analisi del fenomeno alle proposte concrete e praticabili.

È proprio in quest’ottica che, già prima dell’estate, l’ASR ha promosso un’ampia consultazione (anche fuori dai confini della professione) per individuare uno strumento giuridico in grado di limitare – se non neutralizzare – le pressioni violente sui giornalisti per indurli alla peggiore delle censure: l’autocensura. Infatti, qualche mese fa, dopo una serie di aggressioni ai colleghi, insieme con Ossigeno per l’Informazione, abbiamo elaborato una norma che – se approvata dal Parlamento – costituirebbe un deterrente formidabile contro le intimidazioni e le violenze ai danni dei giornalisti.

Si chiama Reato di Ostacolo all’Informazione e recita così:

Chiunque, per limitare o impedire la ricerca, la raccolta, la ricezione, l’elaborazione, il controllo, la pubblicazione o la diffusione di informazioni, opinioni o idee di interesse pubblico, utilizza violenza, minaccia o frode in danno di soggetti esercenti l’attività giornalistica, è punito con la reclusione da due a sei anni.

GFM

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Sentitevi liberi di contribuire!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.