Questo episodio rientra tra le violazioni verificate da Ossigeno per l'Informazione

Violazioni verificate

Caserta. Mafioso intervistato in carcere insulta un giornalista

Augusto La Torre, detenuto a Ivrea, ha accusato di “scrivere menzogne e di non saper leggere gli atti” Giuseppe Tallino che lo ha denunciato

È considerata intimidatoria l’affermazione del mafioso Augusto La Torre, boss del litorale Domizio, a Nord di Napoli, secondo il quale il giornalista Giuseppe Tallino, di Cronache di Caserta, sarebbe uno “pseudogiornalista, (un) altro lecchino che scrive menzogne e non sa leggere gli atti processuali”, un presuntuoso che crede di essere “il maestro del giornalismo nostrano”.

Augusto La Torre lo ha affermato il 4 giugno 2017 in un’intervista rilasciata alla testata online Appiapolis. Le dichiarazioni sono state raccolte tramite il suo legale, perché La Torre è detenuto nel carcere di Ivrea, per scontare una condanna per estorsione, associazione mafiosa e omicidio.

Giuseppe Tallino ha denunciato il fatto alla Procura della Repubblica di Santa Maria Capua (Caserta).

Il giornalista è stato attaccato in riferimento a due articoli di cronaca pubblicati da Cronache di Caserta. Nel primo il giornalista racconta un’indagine della Dda di Napoli che ha portato all’arresto di 4 persone (tra cui il figlio di La Torre per detenzione illegale di armi da sparo e da guerra con l’aggravante del metodo mafioso) e nella quale lo stesso Augusto è indagato per estorsione con l’aggravante del metodo mafioso. Nel secondo articolo, Tallino fa riferimento a un altro episodio oggetto di indagine della Dda di Napoli e descrive l’incontro tra La Torre e  Nicola Bifone, appartenente all’omonimo clan di Macerata Campania, durante il quale ci sarebbe stato il presunto passaggio di un’arma tra i due.

L’Ordine dei Giornalisti della Campania e alcuni esponenti politici locali hanno espresso solidarietà a Giuseppe Tallino. 

RDM

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.