Aggiornamenti

Cilento. Querele. 2 cronisti assolti dopo otto anni

Sono Maurizio Troccoli e Luigi Martino (giornaledelcilento.it). Per il Tribunale di Vallo della Lucania il “fatto non sussiste”

Si conclude bene dopo otto anni la vicenda giudiziaria che vedeva i giornalisti Maurizio Troccoli e Luigi Martino (rispettivamente ex direttore e caporedattore del il giornaledelcilento.it, accusati di diffamazione per aver utilizzato in alcuni articoli di cronaca i termini “cricca” e “cravattari” (leggi). Il 19 febbraio 2020 il Tribunale di Vallo della Lucania li ha assolti perché il “fatto non sussiste”.

I FATTI – Gli articoli contestati risalgono al 2012 e raccontano un’inchiesta giudiziaria su una presunta associazione per delinquere finalizzata all’usura, per la quale alcune persone del Cilento erano state  arrestate e rinviate a giudizio. A querelare i giornalisti erano stati proprio gli arrestati.

IL COMMENTO – “E’ una vicenda che finalmente si chiude – hanno commentato i due giornalisti al giornaledelcilento – ringraziamo il nostro avvocato Marco Sansone. Nel difenderci abbiamo chiesto che il nostro dovere di informare fosse riconosciuto come una battaglia civile, non rivolta a noi come giornalisti, ma alla gente per il loro insidacabile diritto di sapere”.

IL PROCESSO – Il Gup di Vallo della Lucania aveva già prosciolto i due giornalisti e l’editore Mario Scarpitta per alcuni di questi articoli contententi le parole “cricca” e “cravattari”, sostenendo che si trattasse di due termini “appartenenti al gergo comune”. Per uno di quegli articoli, però, i cronisti erano stati rinviati a giudizio nel 2016 (leggi). Pochi giorni fa l’epilogo della vicenda con la decisione del Tribunale.

Ossigeno ha seguito la vicenda fin dall’inizio, subito dopo la querela.

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Sentitevi liberi di contribuire!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.