Libertà di stampa

Commissaria D. U., Più uniti contro le querele temerarie

OSSIGENO 20 OTTOBRE 2022 – Questo discorso è stato pronunciato (in inglese) dalla Commissaria per i Diritti Umani del Consiglio d’Europa, Dunja Mijatovic, in apertura della Conferenza Europea Anti-Slapp”, giovedì 20 ottobre 2022 a Strasburgo nella sede del Consiglio d’Europa. 

Cara Presidente Metsola, cara Vicepresidente Jurová, cara Segretario Generale Pejčinović Burić, cari amici, signore e signori,

Non vedo occasione migliore della conferenza di oggi

Desidero ringraziare il Centro europeo per la libertà di stampa e dei media ECPMF e la Coalizione contro le SLAPP in Europa CASE per aver avviato questo processo e aver convocato la riunione odierna.

Il fenomeno di persone potenti che abusano del sistema giudiziario per mettere a tacere dissidenti, giornalisti, avvocati, difensori dei diritti umani e attivisti non è nuovo. Già negli anni ’80 gli Stati Uniti e il Canada hanno dovuto affrontare questo problema e da allora hanno adottato leggi anti-SLAPP.

Tuttavia, i paesi europei e le organizzazioni internazionali hanno reagito lentamente al problema. Quando Daphne è stata uccisa e molte delle cause legali che l’avevano presa di mira sono state ereditate dalla sua famiglia, è diventato impossibile ignorare i costi umani e sociali delle SLAPP.

Daphne ha dato una buona definizione di cosa sia uno SLAPP e di cosa significhi per la società. Ha detto che “le leggi che sono state concepite per proteggere le persone realmente danneggiate vengono utilizzate come strumento di abuso e di aggressione da parte di chi ha potere contro chi non ne ha”.

E Daphne aveva ragione! Le SLAPP sono uno degli strumenti più dannosi per soffocare la libertà di parola. La semplice minaccia di intentare un’azione legale di questo tipo a volte è sufficiente per ottenere l’effetto desiderato: bloccare l’attivismo o le indagini e i reportage dei giornalisti.

Le SLAPP rappresentano una grave minaccia alla libertà di espressione, alla libertà di riunione e al diritto di acquisire informazioni di pubblico interesse. Rappresentano inoltre un problema per il sistema giudiziario e lo stato di diritto in generale, poiché i tribunali sono occupati da cause civili o penali pretestuose intentate da individui o aziende che approfittano delle istituzioni democratiche per minare i pilastri della democrazia.

Subito dopo aver assunto l’incarico di Commissaria per i diritti umani del Consiglio d’Europa, ho iniziato a lavorare per mettere in guardia i governi dai pericoli che le SLAPP rappresentano per le nostre democrazie. Nel 2020, ho pubblicato un Commento sui diritti umani che delineava i problemi principali e invitava le autorità degli Stati membri ad affrontare le SLAPP con maggiore determinazione. Da allora, ho continuato a mettere in guardia i governi attraverso il mio monitoraggio dei diritti umani. L’ho fatto con rapporti e memoranda su Malta, Polonia e Slovenia. Due settimane fa ho pubblicato una lettera al Primo Ministro di Malta in cui faccio riferimento all’uso problematico delle SLAPP da parte delle agenzie statali in risposta alle richieste di libertà di informazione.

Due giorni fa ho pubblicato un memorandum sulla mia missione in Kosovo in cui faccio riferimento anche alle SLAPP contro i giornalisti. A dicembre, inoltre, discuterò con la Commissione Cultura, Scienza, Istruzione e Media dell’Assemblea Parlamentare del Consiglio d’Europe e anche con il comitato di esperti del Consiglio d’Europa che sta preparando la raccomandazione per prevenire le SLAPP.

L’urgenza di agire mi sembra evidente. Le SLAPP si verificano ogni giorno in Europa, in molti dei nostri Stati membri, e prendono di mira professionisti – come recentemente, in Francia e in Grecia, i giornalisti che sono stati citati in giudizio da potenti aziende e istituzioni pubbliche. Ma colpiscono anche giovani attivisti che proteggono la loro comunità o l’ambiente. Come due giovani ambientaliste della Bosnia-Erzegovina che sono attualmente bersagliate da diverse cause giudiziarie intentate da un’azienda privata per aver parlato pubblicamente dell’impatto ambientale di una centrale idroelettrica sul fiume Kasindolska. Come già molti altri attivisti e difensori dei diritti umani, hanno subito pressioni per anni, come ho già detto in un commento sui diritti umani dello scorso anno. Ora la minaccia di una costosa causa legale mette ulteriormente in pericolo loro e la regione che vogliono proteggere.

La situazione è preoccupante, ma non disperata. La consapevolezza del problema sta crescendo.  In una sentenza storica emessa lo scorso marzo nella causa OOO Memo c. Russia, la Corte Europea dei Diritti Umani ha stabilito che l’uso delle SLAPPS da parte degli enti statali deve essere limitato. In altri casi, la Corte europea ha chiarito che i risarcimenti irragionevolmente elevati concessi nelle cause per diffamazione possono danneggiare la libertà di espressione. Gli Stati sono quindi tenuti a creare un ambiente favorevole alla partecipazione al dibattito pubblico da parte di tutti, consentendo a chiunque di esprimere le proprie opinioni e idee senza timori.

La giurisprudenza della Corte è chiara: gli Stati membri devono astenersi da qualsiasi interferenza con la legittima libertà di espressione degli individui e hanno l’obbligo positivo di proteggere la libertà di espressione da qualsiasi violazione, anche da parte di privati.

Le autorità nazionali e la magistratura sono la prima linea di protezione dei diritti umani sanciti dalla Convenzione. Sono quindi tenuti ad applicare la giurisprudenza della Corte e gli altri standard internazionali per prevenire l’abuso del sistema giudiziario da chi vuole mettere a tacere la libertà di espressione, anche quando ciò avviene nell’ambito di assemblee pubbliche.

A tal fine, dovrebbero assicurarsi che le legislazioni nazionali consentano l’archiviazione delle SLAPP, prevedano misure per punire l’abuso del sistema giudiziario e garantiscano un supporto pratico e un’assistenza legale gratuita a coloro che vengono citati in giudizio.

Inoltre, è necessario depenalizzare la diffamazione e la diffamazione a mezzo stampa per i casi che non riguardano l’incitamento all’odio, al razzismo o alla violenza. Allo stesso tempo, i procedimenti civili non dovrebbero essere usati come arma per mettere a tacere gli imputati attraverso richieste di sanzioni sproporzionate.

Ci sono anche altri passi da fare: dovremmo rafforzare le sinergie tra le esperienze di monitoraggio a livello nazionale e internazionale per fornire un monitoraggio indipendente, completo, affidabile e tempestivo delle violazioni. Dovremmo fornire assistenza alle vittime e promuovere la consapevolezza dei problemi che devono affrontare. La mia esperienza di collaborazione con attori internazionali – come i partner della Piattaforma del Consiglio d’Europa – e nazionali – come Ossigeno per l’informazione in Italia e la Piattaforma per la difesa della libertà d’informazione in Spagna, per citarne alcuni – rafforza il mio apprezzamento per il loro lavoro e la convinzione che esista un potenziale per un’ulteriore cooperazione in tutta Europa.

Chi controlla il flusso di informazioni e può influenzare la libertà di espressione ha un grande potere. Dobbiamo garantire che questi aspetti fondamentali delle attività umane e della democrazia rimangano liberi e al servizio dell’interesse pubblico.

Unendo le forze, possiamo far sì che ciò accada.

Vi auguro una proficua discussione oggi e potete contare su di me per continuare la nostra cooperazione. ASP

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Sentitevi liberi di contribuire!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.