Questo episodio rientra tra le violazioni verificate da Ossigeno per l'Informazione

Realizzato nell'ambito del progetto OSSIGENO M.A.P. - MONITOR ASSIST AND PROTECT, co-finanziato da GMDF (Global Media Defense Fund), il Fondo creato nell'ambito della Campagna Globale per la Libertà dei Media nel quadro del Piano d'Azione dell'ONU per la Sicurezza dei Giornalisti e la tematica dell'Impunità. Il GMDF è stato sviluppato con l'obiettivo di facilitare la libertà dei media e migliorare l'accesso dei giornalisti ad una tutela legale specializzata e sensibile alla diversità di genere. Gli autori sono responsabili della scelta e della presentazione dei fatti contenuti in questa pubblicazione e delle opinioni ivi espresse, che non sono necessariamente quelle dell'UNESCO e non impegnano l'UNESCO.

Giornaliste. Fatele bere un po’ di acido, scrivono su Facebook

Chiara Ciurlia, durante la diretta di “Tutti in conferenza” su Facebook, cercava di fermare sulla chat una ridda di commenti volgari e offensivi dei partecipanti. Il commento di Ossigeno

OSSIGENO 9 marzo 2022 – Il 20 gennaio 2022 alcuni tifosi di calcio che seguivano la trasmissione in streaming “Tutti in conferenza” hanno insultato  nella chat Facebook la moderatrice Chiara Ciurlia, scrivendo: ”Tappatele la bocca”, “Spero la smetta di parlare”, “Fatele bere un po’ di acido” e altre frasi minacciose e offensive condite da riferimenti sessisti.

IL FATTO – Chiara Ciurlia stava conducendo la trasmissione della testata illeccese.it, dedicata alla partita di calcio Roma-Lecce appena giocata. Alcuni utenti avevano cominciato a insultare sulla chat altri partecipanti che difendevano i tifosi della squadra avversaria. Chiara Ciurlia ha invitato a non fare commenti volgari e offensivi ed è diventata lei stessa bersaglio di minacce e insulti sessisti. Adesso sta valutando se denunciare formalmente chi l’ha minacciata.

LA CONDUTTRICE – “Mi sono arrivati insulti sempre più infamanti, fino alle minacce di sfregiarmi con l’acido. Ho chiesto – ha raccontato Chiara Ciurlia a Ossigeno – al mio editore di intervenire e lui ha bloccato la chat. Sono profondamente delusa dal comportamento di queste persone, che non voglio definire tifosi. Vorrei poterle incontrare per dire loro che dietro alla professionista che hanno insultato c’è una persona umana, c’è la sua famiglia, ci sono persone care che soffrono. Anche per tutelare queste persone care avevo deciso di non rilasciare altri commenti. Ho fatto questa eccezione per Ossigeno, per il ruolo che svolge. Sto valutando con il mio legale che cosa fare. Spero che quanto è accaduto a me sia utile anche ad altri per difendersi da questi attacchi. Penso che in questi casi bisogna reagire e denunciare. Non dovremmo subire in silenzio queste intimidazioni.”

SUPPORTO – Ossigeno per l’Informazione ha manifestato solidarietà a Chiara Ciurlia e l’ha incoraggiata a chiedere che gli autori degli insulti e delle minacce siano identificati e giudicati per un comportamento che, oltre ad essere disdicevole, costituisce reato, ed è ancor più grave perché è stato rivolto contro una donna insultandola in quanto donna. Insultare chi è doverosamente impegnato a mantenere il confronto delle idee nell’ambito del rispetto delle persone è una violazione della deontologia della comunicazione, alla quale sono tenuti tutti. Denunciare sistematicamente questi fatti e mettersi al fianco di chi ne è vittima è il primo passo da fare per mettere fine all’impunità di chi fa queste violazioni.

GB

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Sentitevi liberi di contribuire!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.