Emergenza virus rallenta esame ddl diffamazione

In quarantena anche il ddl del sen. Primo Di Nicola per frenare l’abuso delle cause pretestuose per diffamazione a mezzo stampa

Fra le conseguenze dei provvedimenti adottati per fronteggiare l’emergenza sanitaria Coronavirus c’è il rallentamento dell’attività legislativa del Parlamento. Di conseguenza molti provvedimenti di legge, all’esame delle commissioni parlamentari e dell’aula, saranno sospesi, “finiranno in una sorta di bolla, in attesa che (l’emergenza, ndr) passi e il Palazzo torni a pieno regime”, scrive il Fatto Quotidiano in un articolo di Gianluca Roselli pubblicato il 7 marzo 2020.

Fra i provvedimenti in quarantena al Senato, l’autore segnala “un provvedimento già pronto per l’aula, quello sulle liti temerarie del 5S Primo Di Nicola,  che si pone l’obbiettivo di porre un freno alle azioni civili con richiesta di risarcimenti economici ai danni dei giornalisti. Di pari passo viaggia la legge Caliendo (FI) sulla diffamazione, su cui però ci sono ancora forti divisioni tra politica, editori e rappresentanti dei giornalisti”.

ASP

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.