Realizzato nell'ambito del progetto OSSIGENO M.A.P. - MONITOR ASSIST AND PROTECT, co-finanziato da GMDF (Global Media Defense Fund), il Fondo creato nell'ambito della Campagna Globale per la Libertà dei Media nel quadro del Piano d'Azione dell'ONU per la Sicurezza dei Giornalisti e la tematica dell'Impunità. Il GMDF è stato sviluppato con l'obiettivo di facilitare la libertà dei media e migliorare l'accesso dei giornalisti ad una tutela legale specializzata e sensibile alla diversità di genere. Gli autori sono responsabili della scelta e della presentazione dei fatti contenuti in questa pubblicazione e delle opinioni ivi espresse, che non sono necessariamente quelle dell'UNESCO e non impegnano l'UNESCO.

Giornalisti minacciati. Cosa dicono i dati del Ministero e quelli di Ossigeno

Il confronto mostra un aumento del numero dei minacciati, una notevole crescita delle querele intimidatorie e una  diminuzione delle denunce alle autorità rispetto all’anno precedente

OSSIGENO 27 dicembre 2022 – Il 6 dicembre 2022 il Centro di coordinamento sul fenomeno degli atti intimidatori nei confronti dei giornalisti del Ministero dell’Interno ha diffuso i propri dati sui minacciati nei primi 9 mesi del 2022 (vedi qui il report completo). Secondo il Centro: “Sono 84 gli episodi intimidatori commessi in Italia nei primi nove mesi del 2022 nei confronti di giornalisti, rispetto ai 162 registrati nello stesso periodo del 2021, con una flessione del 48%”.

Dai dati del Ministero emerge che per l’88% dei casi “le vittime sono 74 professionisti dell’informazione, tra i quali 21 donne (28%) e 53 uomini (72%). Il 19% delle segnalazioni totali è relativo ad episodi intimidatori perpetrati nei confronti di sedi giornalistiche o di troupe non meglio specificate”. Le regioni più colpite sono “Lazio, Lombardia, Campania, Calabria e Toscana, con 57 episodi complessivi, pari al 68% del totale”. Partendo dai dati del Ministero dell’Interno la situazione appare migliorata rispetto al 2021.

I dati di Ossigeno per l’informazione, l’osservatorio non governativo sui giornalisti minacciati e le notizie oscurate con la violenza, fanno riferimento a tipologie di intimidazioni e minacce più ampie rispetto a quelle prese in considerazione dal Viminale. Comprendono infatti anche le querele e le cause per diffamazione promosse in modo temerario e strumentale e le violazioni del diritto di informazione codificato dall’Articolo 10 della Convenzione europea dei diritti dell’Uomo. Questi dati indicano un andamento diverso: nei primi 9 mesi del 2022 sono stati rilevai da Ossigeno 173 episodi di intimidazioni e minacce nei confronti di 564 operatori dei media (giornalisti, blogger, videoperatori), di cui il 29% è costituito da donne, colpite per il 36% da minacce gender based.

Monitoraggio genn-sett 2022 Osservatorio non governativo Ossigeno per l’informazione Centro monitoraggio Ministero Interno
episodi di violazione libertà di stampa 173 84
vittime (giornalisti minacciati) 564 74
Giornalisti minacciati genn-sett 2022 Osservatorio non governativo Ossigeno per l’informazione Centro monitoraggio Ministero Interno
Uomini 71% 72%
Donne 29% 28%

Questi dati di Ossigeno mettono in evidenza una crescita delle minacce rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente: fra gennaio e settembre 2021 Ossigeno aveva infatti rilevato 288 minacciati, esattamente la metà di quest’anno.

Giornalisti minacciati | Ossigeno per l’informazione
genn-sett 2021

288

genn-sett 2022

564

Nella tabella successiva è possibile vedere il confronto tra i dati del Centro e quelli di Ossigeno relativo ai primi nove mesi del 2021.

Monitoraggio genn-sett 2021 Osservatorio non governativo Ossigeno per l’informazione Centro monitoraggio Ministero Interno
giornalisti minacciati 288 162

Invece i dati del confronto tra i primi mesi del 2022 e del 2021 sono stati presentati al convegno “Informazione a rischio”, organizzato a Roma il 22 novembre scorso con l’Ordine dei giornalisti del Lazio (vedi qui).

La verifica approfondita di 84 episodi su 173, attuata mediante il Metodo Ossigeno (leggi qui), ha fatto rilevare con esattezza la matrice degli attacchi, le tipologie di minaccia e le aree geografiche più colpite.

Tipologia minacce genn-sett 2022 | Ossigeno per l’informazione
Avvertimenti 57%
Abuso di denunce e azioni legali 35%
Aggressioni 8%
Matrice attacchi genn-sett 2022 | Ossigeno per l’informazione Osservatorio non governativo Ossigeno per l’informazione Centro monitoraggio Ministero Interno
Persone e associazioni

54%

55%
Autorità, enti pubblici, politici

18%

Mafie, ambiente criminale

16%

11%
Imprese e imprenditori privati

6%

non determinato
Ambiente mediatico

3%

non determinato
Sconosciuto

3%

non determinato
Regioni più colpite genn-sett 2022 | Ossigeno per l’informazione
Lombardia

19%

Toscana

17%

Lazio

14%

Piemonte

11%

Puglia

9%

I dati di Ossigeno fotografano un aumento delle minacce ai danni dei professionisti dell’informazione in Italia nel 2022, diversamente dal Viminale. Come è messo in evidenza un’analisi più approfondita, la contraddizione è solo apparente, e aiuta a leggere più in dettaglio l’andamento del fenomeno, caratterizzato da una diminuzione delle denunce e da un aumento delle querele e delle cause temerarie. Leggi a riguardo il commento di Alberto Spampinato, direttore di Ossigeno per l’informazione: “Nel 2022 più giornalisti minacciati e meno denunce alle autorità”.

(A cura di Grazia Pia Attolini e Giacomo Bertoni)

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Sentitevi liberi di contribuire!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.