Libertà di stampa

Il Pannello della Memoria donato a Comune e scuola di Arcevia (An)

La cerimonia si è svolta sabato 17 febbraio 2018. Gli studenti ricostruiranno le storie dei giornalisti uccisi a causa del loro lavoro

Il segretario generale di Ossigeno per l’Informazione, Giuseppe Federico Mennella, ha consegnato il Pannello della memoria di Ossigeno, “Cercavano la verità. Ventotto nomi una sola storia”, al Comune di Arcevia, in provincia di Ancona, e alla scuola media della cittadina, l’istituto “Ferdinando Palazzi”. La cerimonia di consegna si è tenuta sabato 17 febbraio 2018, presso il Centro Culturale San Francesco, alla presenza di oltre settanta studenti.

L’interesse mostrato dagli studenti ha fatto nascere l’idea di sviluppare il tema con una serie di iniziative, nel quadro di un progetto che la scuola media avvierà a breve, per ricostruire le storie dei giornalisti che hanno perso la vita per il loro lavoro.

Mennella ha consegnato il pannello, che raffigura il volto dei 28 giornalisti uccisi a causa dell’attività di informazione che svolgevano nell’ambito della loro professione ed elenca i loro nomi, al sindaco di Arcevia, prof. Andrea Bomprezzi, e al sindaco del Consiglio comunale dei ragazzi, Matteo Federici. In sala era presente anche il vicesindaco Fiorenzo Quajani. Per la scuola, il pannello è stato consegnato alla professoressa Elena Motisi.

Il segretario ha ricordato che Ossigeno promuove l’esposizione del Pannello presso le Istituzioni, gli Enti locali, gli istituti scolastici per coltivare il valore della memoria e promuovere l’interesse per la difesa della libertà d’espressione e di stampa. Inoltre ha illustrato le attività dell’Osservatorio contro le intimidazioni e le minacce attuate per impedire la libera informazione e ostacolare il diritto dei cittadini di essere informati.

RDM

Leggi tutte le notizie sul Pannello della Memoria

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.