Memoria

Memoria. Il ricordo di Walter Tobagi a 40 anni dalla morte

La sua storia è ricostruita sul sito di Ossigeno, Cercavano la Verità. In occasione di quest’anniversario il Corriere della Sera ha raccolto, e commentato, i suoi articoli nel volume “Poter capire, voler spiegare”

Era il 28 maggio del 1980 quando, a Milano, in via Salaino, quattro proiettili tolsero la vita a Walter Tobagi, 33 anni, giornalista del Corriere della Sera. Domani saranno trascorsi 40 anni dalla sua morte.

Ossigeno per l’Informazione ricorda la storia di Walter Tobagi e le tappe del processo che portarono alla condanna dei suoi assassini sul sito “Cercavano la verita” . Questo archivio al servizio della memoria collettiva, insieme a quella di Tobagi, contiene le storie degli altri 29 giornalisti italiani uccisi a causa del loro lavoro. Martiri civili, difensori della libertà di fare informazione, hanno cercato – attraverso la lucida analisi della società del tempo – di raccontare ai lettori i complessi ingranaggi di una realtà complicata, e talvolta avvelenata.

Brillante cronista politico e sindacale, Tobagi ha raccontato gli anni del terrorismo; quelli delle grandi stragi e della violenza che le caratterizzò. Cercò di esaminarne le cause, denunciò l’intrusione del fenomeno nelle fabbriche e negli altri luoghi di lavoro; analizzò i legami e le personalità dei leader di quei movimenti e scrisse di loro, in un articolo pubblicato il 20 aprile del 1980, che “non erano samurai invincibili”. Circa un mese dopo Tobagi fu assassinato.

“Un analista senza tempo della società e un interprete delle sue viscere profonde”: così lo definisce Ferruccio De Bortoli in un ricordo che apre il volume, “Poter capire, voler spiegare. Walter Tobagi quarant’anni dopo”, a cura di Giangiacomo Schiavi. Una raccolta di articoli dello stesso Tobagi, commentati dalle firme del Corriere della Sera. Un omaggio che il quotidiano ha voluto fare a Walter Tobagi per ricordare “il collega”, il suo impegno civile e sindacale, e tracciare un filo tra la società del tempo e quella contemporanea a quarant’anni dalla sua morte.

Nei ricordi di chi l’ha conosciuto e ha lavorato con lui, e che in questi giorni affiorano sulle pagine dei quotidiani, tutti lo descrivono come un giornalista libero da pregiudizi e ideologie, che interpretava la professione come un servizio per la società. Un uomo di fede, una persona dal carattere dolce e disponibile con tutti, ma allo stesso tempo rigoroso e fermo. “Un leader dalla forza tranquilla – scrive ancora di lui De Bortoli – Non aveva bisogno di alzare la voce per farsi ascoltare”.

RDM

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Sentitevi liberi di contribuire!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.