Questo episodio rientra tra le violazioni verificate da Ossigeno per l'Informazione

Violazioni verificate

Minacce sui social a Clemente Pistilli dopo video-smentita di Giorgia Meloni su Facebook

Il giornalista ha pubblicato su “Repubblica” stralci del verbale di un “pentito” il quale accusa la leader di FdI di aver pagato nel 2013 esponenti di un clan di Latina

OSSIGENO – 16 MARZO 2021 – Il 6 marzo 2021 il giornalista Clemente Pistilli, cronista di giudiziaria, collaboratore del quotidiano “La Repubblica”, è stato insultato e minacciato sui social dopo la pubblicazione di un articolo nel quale ha reso noto alcune dichiarazioni di un “pentito”. Questi ha riferito alla Direzione Distrettuale Antimafia (DDA) di Roma che a Latina, nel 2013, la leader di Fratelli d’Italia, Giorgia Meloni, avrebbe incontrato alcuni esponenti di un clan di nomadi e che subito dopo un collaboratore della Meloni, indicato come il suo segretario, avrebbe versato agli esponenti del clan 35 mila euro in contanti, in cambio di un voti per i candidati di FdI alle elezioni comunali.

Alcune ore dopo la pubblicazione dell’articolo, Giorgia Meloni ha replicato sui social con un video nel quale smentisce categoricamente le dichiarazioni del “pentito” e definisce l’articolo frutto della «macchina del fango» e di “metodi di regime” degni del Myanmar.

Poco dopo la pubblicazione del video sono arrivati a Clemente Pistilli numerosi insulti e minacce da utenti dei social media. Per questi insulti e minacce ha ricevuto attestazioni di solidarietà dal cdr di Repubblica, dall’Associazione Stampa Romana e da Ossigeno per l’Informazione.

IL GIORNALISTA – «Lavorando a questa notizia – ha dichiarato Clemente Pistilli a Ossigeno – sapevo che avrei dato fastidio, ma ho scelto di fare questo lavoro e continuerò a farlo. Non ho risposto ai commenti sui social perché un giornalista parla tramite il lavoro che fa». Ossigeno ha già riferito altri episodi intimidatori nei suoi confronti. (vedi)

L’ARTICOLO – E’ stato pubblicato il 6 marzo 2021 (leggi qui). Riferisce il contenuto di un verbale di Agostino Riccardo, collaboratore di giustizia, che ha rivelato alla DDA di Roma i presunti contatti del segretario di Giorgia Meloni per organizzare la campagna elettorale del 2013 di Fratelli d’Italia a Latina.

IL VIDEO – Il video di Giorgia Meloni su Facebook intitolato “È partita la macchina del fango contro l’unico partito di opposizione”, ha avuto oltre centomila visualizzazioni. (vedi qui). Non ci facciamo intimidire, ha detto. Ha smentito i fatti riferiti dal pentito, ha precisato che gli inquirenti non le hanno mai contestato la faccenda «evidentemente ritenuta non attendibile» e ha lamentato il fatto che il quotidiano “La Repubblica” non l’abbia contattata prima della pubblicazione dell’articolo, per avere anche la sua versione. Ha concluso annunciando querela contro chi le rivolge false accuse.

LE MINACCE – Dopo il video diversi utenti hanno inondato i  profili social di Clemente Pistilli con decine di insulti e minacce. «Come non ti vergogni non lo so. Sei un giornalaio. Ma non ti preoccupare, presto arriverà anche il tuo conto da pagare, tempo è galantuomo», scrive un utente. «Arrampicatore sociale sto Pistilli semplicemente un cretino», aggiunge un altro, e così via.

GB

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Sentitevi liberi di contribuire!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.