Libertà di stampa

OSCE. Harlem Désir, Proteggete i giornalisti

Il Rappresentante per la libertà dei media ha invitato gli Stati nazionali ad adottare le misure proposte da tempo per la loro sicurezza. Altri due uccisi

Il problema più grave dei giornalisti rimane quello della sicurezza personale, ha detto il Rappresentante della libertà dei media dell’OSCE, Harlem Désir. Pertanto, ha aggiunto, invito gli Stati nazionali ad attuare le decisioni sulla sicurezza dei giornalisti varate dal Consiglio dei Ministri della nostra organizzazione. Queste decisioni prevedono fra l’altro la creazione di centri di monitoraggio e di asistenza dei giornalisti che subiscono minacce e una revisione delle leggi in contrasto con i trattati di adesione all’OSCE.

Désir lo ha detto il 4 luglio 2019, a Vienna, quando ha presentato al Consiglio permanente dell’OSCE, la relazione semestrale sulla sua attività (leggi).

Ha ricordato che in sette mesi due giornalisti sono stati uccisi (Vadim Komarov in Ucraina e Lyra Mckee in Irlanda del Nord) e ha parlato di altri 92 che hanno subito attacchi e minacce, tra cui un bombardamento, tre sparatorie e sette attacchi incendiari contro giornalisti “ha detto Désir. “Colpiscono i giornalisti – ha detto – ma sotto attacco, insieme a loro, ci sono la libertà di opinione e il diritto dei cittadini di essere informati”.

ASP

Per maggiori informazioni

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.