Realizzato nell'ambito del progetto OSSIGENO M.A.P. - MONITOR ASSIST AND PROTECT, co-finanziato da GMDF (Global Media Defense Fund), il Fondo creato nell'ambito della Campagna Globale per la Libertà dei Media nel quadro del Piano d'Azione dell'ONU per la Sicurezza dei Giornalisti e la tematica dell'Impunità. Il GMDF è stato sviluppato con l'obiettivo di facilitare la libertà dei media e migliorare l'accesso dei giornalisti ad una tutela legale specializzata e sensibile alla diversità di genere. Gli autori sono responsabili della scelta e della presentazione dei fatti contenuti in questa pubblicazione e delle opinioni ivi espresse, che non sono necessariamente quelle dell'UNESCO e non impegnano l'UNESCO.

Rinviato a giudizio ergastolano che minacciò direttrice Cronachedi

Nel 2021 Giovanni Cellurale dal carcere inviò una lettera alla giornalista Maria Bertone minacciando di farla saltare in aria e di ‘spararle in bocca’

OSSIGENO 22 luglio 2022 – La gup del tribunale di Napoli Linda D’Ancona il 13 luglio 2022 ha accolto la richiesta di rinvio a giudizio formulata dal pm Fabrizio Vanorio per Giovanni Cellurale, il detenuto legato alla camorra che aveva rivolto minacce di morte alla giornalista Maria Bertone, direttrice del quotidiano Cronachedi (leggi Ossigeno). L’uomo, già all’ergastolo per omicidio nell’agosto 2021 aveva inviato una lettera alla giornalista in redazione, nella quale minacciava di farla saltare in aria e di ‘spararle in bocca’, e invitava altri affiliati alla camorra già fuori dal carcere o che stavano per uscirne, a fare altrettanto. “Una vicenda grave che rischia di diventare un pericoloso precedente”, il commento del presidente dell’Odg Campania Ottavio Lucarelli, che si è costituito parte civile al fianco di Maria Bertone e della Libra, editrice di Cronachedi (Caserta e Napoli).

LA DIRETTRICE – “A quasi un anno dalla lettera di minacce che ho ricevuto, finalmente inizia il processo – ha detto Maria Bertone a Ossigeno -. Il pm, il sostituto procuratore della Direzione Distrettuale Antimafia Fabrizio Vanorio, in sede di udienza preliminare ha posto l’accento sulla pericolosità di questo soggetto e della rete criminale di cui fa parte e la giudice, disponendo il rinvio a giudizio, ha evidentemente ritenuto necessario approfondire la vicenda. Ora confido nella giustizia”. Maria Bertone e le altre parti civili sono rappresentate dall’avvocato Gennaro Razzino. Prossima udienza il 13 settembre 2022. LT

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Sentitevi liberi di contribuire!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.