Aggiornamenti

Vicenza. Direttore ViPiù condannato in primo grado per diffamazione assessore veneto

Giovanni Coviello è stato ritenuto responsabile di diffamazione a mezzo stampa e a pagare una multa di 5.500 euro più 100mila euro per risarcimenti a parti civili e avvocati

OSSIGENO 23 novembre 2021 – Il giornalista Giovanni Coviello, direttore del quotidiano online ViPiù, è stato condannato dal Tribunale di Vicenza (giudice monocratico Veronica Salvadori) per diffamazione a mezzo stampa ai danni dell’assessore all’istruzione della Regione Veneto, Elena Donazzan, e di altri alti funzionari di Palazzo Balbi, fra cui Santo Romano.

Ne ha dato notizia il 17 novembre 2021, il giorno stesso della sentenza, il quotidiano ViPiù (vedi qui), precisando che al giornalista è stata comminata una multa di 5.500 euro più danni da 18.000 euro ciascuno a favore di Donazzan e Romano e di 10.000 euro ciascuno per gli altri 5 accusatori oltre al rimborso spese per ognuno dei loro avvocati pari a 3.000 euro.

Giovanni Coviello ha commentato: “Sento questa condanna come un ennesimo bavaglio impostomi quando tocco chi non va toccato“. 

Ossigeno per l’informazione ritiene sproporzionata, e in quanto tale intimidatoria, la pena comminata a Giovanni Coviello. Si augura che nei successivi gradi di giudizio siano tenuti in maggior considerazione la libertà di informazione e i rischi connessi all’attività professionale di far emergere nell’interesse pubblico, affinché siano chiarite, vicende che riguardano istituzioni e amministratori pubblici. Questo Osservatorio si è  occupato  di questo giornalista (vedi qui) nel 2019, quando è stato condannato a 8 mesi di carcere per una querela di Gianni Zonin. L’Ufficio di Assistenza Legale di Ossigeno gli ha concesso un bonus a parziale copertura delle spese legali da lui sostenute (vedi qui).

GB

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Sentitevi liberi di contribuire!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.