Questo episodio rientra tra le violazioni verificate da Ossigeno per l'Informazione

Realizzato nell'ambito del progetto OSSIGENO M.A.P. - MONITOR ASSIST AND PROTECT, co-finanziato da GMDF (Global Media Defense Fund), il Fondo creato nell'ambito della Campagna Globale per la Libertà dei Media nel quadro del Piano d'Azione dell'ONU per la Sicurezza dei Giornalisti e la tematica dell'Impunità. Il GMDF è stato sviluppato con l'obiettivo di facilitare la libertà dei media e migliorare l'accesso dei giornalisti ad una tutela legale specializzata e sensibile alla diversità di genere. Gli autori sono responsabili della scelta e della presentazione dei fatti contenuti in questa pubblicazione e delle opinioni ivi espresse, che non sono necessariamente quelle dell'UNESCO e non impegnano l'UNESCO.

Web. No vax minacciano di morte il sen. Sandro Ruotolo evocando Norimberga

“E se ti venissero a prendere sotto casa?”, hanno replicato al tweet in cui si dichiarava a favore dell’obbligo vaccinale contro il Covid. Il giornalista è sotto scorta da sette anni

OSSIGENO 4 aprile 2022 – Insulti e minacce di morte sono stati rivolti sul web al giornalista Sandro Ruotolo, senatore iscritto al Gruppo Misto. Gli sono arrivati su Twitter il 17 gennaio 2022 in replica a un post in cui si dichiarava favorevole all’estensione dell’obbligo vaccinale contro il Covid. “E se ti venissero a prendere sotto casa? – E se estendessimo #Norimberga2 anche ai pennivendoli? – E se venissimo tutti a Roma?” (leggi) gli hanno scritto anonimi no vax.

Il giornalista da quasi 7 anni vive sotto scorta, protetto dalle forze dell’ordine, a causa di minacce della camorra.

Il 27 gennaio 2022 ha presentato denuncia alla Digos di Roma per chiedere l’identificazione dei responsabili. “Voglio giustizia, questo è fascismo; non è un’opinione, è un crimine” – ha detto Sandro Ruotolo.

IL GIORNALISTA – “Oggi le minacce arrivano quasi sempre dal web, e attengono principalmente alle tensioni sociali – ha raccontato Sandro Ruotolo a Ossigeno. – Questa è la novità della pandemia. Provengono spesso dall’estrema destra nelle manifestazioni socio-politiche. Lo abbiamo visto anche con le minacce alla dottoressa Viola o all’infettivologo Bassetti, o con le tante aggressioni ai giornalisti che hanno seguito i cortei di manifestanti. Citare Norimberga nei tweet contro di me, mi ha fatto pensare proprio alle organizzazioni neofasciste. Questo è il quadro e non è rassicurante. Certe esternazioni non vanno sottovalutate. Ho fatto denuncia alla Digos per cristallizzare le prove se si dovesse arrivare, come spero, ad individuare i responsabili”.

LA SOLIDARIETA’ – Ossigeno esprime solidarietà e vicinanza al giornalista, di cui ha riportato spesso gli episodi di gravi e reiterate minacce subite (vedi), per i quali è stato posto sotto protezione. Numerosi anche gli attestati solidali dal mondo della politica e da quello del giornalismo.

LT

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Sentitevi liberi di contribuire!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.