Libertà di stampa

3 Maggio. Messaggio del Commissario dei Diritti Umani a Ossigeno

Gli auguri di buon lavoro di Dunja Mijatovic del Consiglio d’Europa che esprime apprezzamento per il monitoraggio delle minacce svolto dall’Osservatorio  

Caro Alberto, cari amici, cari colleghi,

è passato un po’ di tempo da quando ci siamo visti ma vi posso assicurare che la mia volontà e impegno nel continuare a lottare per la sicurezza dei giornalisti non sono cambiati. Posso solo dire che sono diventati più importanti nel mio nuovo ruolo di Commissaria per i Diritti umani del Consiglio d’Europa.

Cari amici,

la sicurezza dei giornalisti in Europa attraversa un momento davvero critico. Le uccisioni brutali dei giornalisti investigativi Daphne Caruana Galizia e Ján Kuciak ci hanno tragicamente ricordato dei rischi che i giornalisti ancora oggi corrono in Europa. Così come per altre uccisioni nel passato, anche queste avrebbero potuto essere evitate se lo stato avesse reagito più tempestivamente e seriamente alla minacce che essi avevano ricevuto.

Allo stesso tempo, essi rappresentano solo la più visibile punta di un iceberg di minacce che mette in pericolo i giornalisti e di conseguenza le nostre democrazie. Se tengono davvero alla democrazia e allo stato di diritto, gli Stati devono proteggere i giornalisti. Ritengo che il monitoraggio verificato degli attacchi ai giornalisti rappresenta un buon esempio di come attuare le raccomandazioni che il Consiglio d’Europa, il Parlamento europeo e le Nazioni Unite hanno rivolto agli stati membri.

Il monitoraggio di Ossigeno ha già prodotto il risultato importante di rendere il problema degli attacchi ai giornalisti più visibile e impossibile da negare. Ora è necessario fare un passo avanti e migliorare la cooperazioni tra diverse istituzioni, soprattutto tra la polizia, ONG e le associazioni di categoria dei giornalisti.

È molto incoraggiante vedere che quest’anno Ossigeno e l’AGCOM celebreranno il World Press Freedom Day a Roma con il patrocinio dell’UNESCO. Spero che questo tipo di cooperazione tra istituzioni pubbliche e ONG possa essere ulteriormente sviluppato in Italia e possa servire da esempio in altri paesi per rafforzare la sicurezza dei giornalisti.

Ciò che è in gioco qui non è solo il futuro della stampa, del giornalismo ma anche quello delle nostre democrazie.

Gli attacchi sia contro noti giornalisti d’inchiesta sia freelance precari vanno aldilà dei casi individuali e devono preoccupare tutti noi.

Spero che l’evento che state organizzando a Roma aiuterà gli Stati, i giornalisti, le ONG e la società civile ad unirsi per compiere sforzi congiunti nel migliorare la sicurezza dei giornalisti in Europa.

Vi auguro un felice World Press Freedom Day!

Stay safe!

IF

IL VIDEO


Aiutaci anche tu a produrre Ossigeno per l’informazione. Puoi farlo nel modo più semplice in tre modi. 1. Scrivendo il nostro codice fiscale 97682750589 sulla tua dichiarazione dei redditi per assegnare il 5 per 1000 alla nostra ONLUS. Così ci fai una donazione senza spendere un euro. 2. Facendo  una donazione via web a Ossigeno e beneficiando di una detrazione fiscale (leggi). Facendo circolare le notizie e i dati di Ossigeno per rompere il muro del silenzio e dell’indifferenza contro gli attacchi al diritto di dire e di sapere ciò che accade.

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.