Questo episodio rientra tra le violazioni verificate da Ossigeno per l'Informazione

Realizzato nell'ambito del progetto OSSIGENO M.A.P. - MONITOR ASSIST AND PROTECT, co-finanziato da GMDF (Global Media Defense Fund), il Fondo creato nell'ambito della Campagna Globale per la Libertà dei Media nel quadro del Piano d'Azione dell'ONU per la Sicurezza dei Giornalisti e la tematica dell'Impunità. Il GMDF è stato sviluppato con l'obiettivo di facilitare la libertà dei media e migliorare l'accesso dei giornalisti ad una tutela legale specializzata e sensibile alla diversità di genere. Gli autori sono responsabili della scelta e della presentazione dei fatti contenuti in questa pubblicazione e delle opinioni ivi espresse, che non sono necessariamente quelle dell'UNESCO e non impegnano l'UNESCO.

Arzano. Ancora intimidazioni al giornalista Mimmo Rubio

Il giornalista è sotto scorta dal 2020. La mossa minacciosa di un motociclista, un messaggio su Fb, le rivelazioni di un nuovo pentito

OSSIGENO 10 settembre 2022 – Sabato 27 agosto 2022, ad Arzano, in provincia di Napoli,  un esponente del clan camorristico locale a bordo di una moto assieme a un altro uomo, si è avvicinato con fare minaccioso al giornalista Mimmo Rubio.

Il giornalista si trovava in coda con altre persone per entrare in un esercizio commerciale. Era insieme al suo collega Giuseppe Bianco e agli uomini della scorta che lo proteggono da due anni.

Nei mesi scorsi Mimmo Rubio aveva parlato nei suoi articoli di quell’uomo in sella alla moto.

Poche ore dopo Mimmo Rubio ha trovato su Facebook un commento a una sua foto, con il quale una donna gli augura la morte. La donna è la madre dell’uomo che lo aveva avvicinato con fare minaccioso in strada poche ore prima. Il giornalista ha presentato una formale denuncia contro la donna e il figlio.

IL COMMENTO DEL GIORNALISTA- Mimmo Rubio ha dichiarato a Ossigeno per l’Informazione: “Fare cronaca locale vivendo sullo stesso territorio diventa sempre più difficile. Ho a che fare con gente che non ha paura, che non si ferma neanche in presenza della scorta. Mi controllano. Seguono ogni mio movimento, sia per strada che sui social. In queste settimane, sulla pagina Facebook Arzano News (vedi qui) e su alcune testate online, sto pubblicando notizie sulle rivelazioni di un neo pentito della camorra di Arzano. Evidentemente queste notizie danno fastidio ad alcuni”.

LA SOLIDARIETÀ – Ossigeno rinnova l’invito a esprimere solidarietà a Mimmo Rubio, che dal 22 ottobre 2020 si trova sotto scorta ed è già stato vittima di diverse minacce gravi e sfrontate. Bisogna aiutarlo a proseguire la sua attività giornalistica ad Arzano, in questo Comune che nel 2019 è stato sciolto per la terza volta per infiltrazioni della criminalità organizzata. Il giornalismo locale è un presidio sociale molto importante ed è importante che i cronisti locali siano difesi dalle istituzioni e circondati dalla solidarietà dei cittadini quando ricevono minacce e intimidazioni per convincerli a chiudere un occhio o tutti e due di fronte ai fatti di interesse pubblico. GB

Leggi anche

Arzano. Assegnata una scorta al giornalista Mimmo Rubio

Campania. Minacce sempre più plateali ai giornalisti che parlano degli affari della camorra

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Sentitevi liberi di contribuire!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.