Realizzato nell'ambito del progetto OSSIGENO M.A.P. - MONITOR ASSIST AND PROTECT, co-finanziato da GMDF (Global Media Defense Fund), il Fondo creato nell'ambito della Campagna Globale per la Libertà dei Media nel quadro del Piano d'Azione dell'ONU per la Sicurezza dei Giornalisti e la tematica dell'Impunità. Il GMDF è stato sviluppato con l'obiettivo di facilitare la libertà dei media e migliorare l'accesso dei giornalisti ad una tutela legale specializzata e sensibile alla diversità di genere. Gli autori sono responsabili della scelta e della presentazione dei fatti contenuti in questa pubblicazione e delle opinioni ivi espresse, che non sono necessariamente quelle dell'UNESCO e non impegnano l'UNESCO.

Diffamazione. Amurri contro Mannino vince in Cassazione dopo 10 anni

Confermata la condanna dell’ex ministro a versare un risarcimento alla giornalista insultata per aver pubblicato sue frasi sul processo stato mafia

OSSIGENO 4 luglio 2022 – Dopo dieci anni, la Corte di Cassazione (terza sezione civile) ha chiuso il contenzioso giudiziario fra un ex ministro e una giornalista, dando ragione a quest’ultima in merito a quanto aveva scritto su ciò che l’ex componente dell’esecutivo consigliava di dire ad alcuni testimoni convocati dai giudici di Palermo impegnati nel cosiddetto processo stato-mafia.

Con un’ordinanza depositata il 9 giugno 2022, la Suprema Corte ha giudicato inammissibile il ricorso dell’ex ministro Calogero Mannino contro la sentenza della Corte di Appello di Roma che, nel 2019, lo ha condannato al risarcimento dei danni in favore di Sandra Amurri, giornalista del Fatto Quotidiano, liquidati in 30 mila euro, oltreché alla rifusione delle spese del doppio grado di giudizio. Per le spese del giudizio di Cassazione l’ex ministro deve pagare altri 6.200 euro. Vedi

La giornalista era stata insultata da Calogero Mannino per un articolo pubblicato dieci anni fa, a marzo 2012, sul “Fatto Quotidiano” in cui aveva riferito una sua conversazione  con l’onorevole Giuseppe Gargani, ascoltata casualmente, scrivendo che Mannino parlava dell’atteggiamento che Ciriaco De Mita avrebbe dovuto tenere davanti ai giudici di Palermo al processo sulla cosiddetta trattativa stato-mafia. Leggi

ASP

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Sentitevi liberi di contribuire!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.