Questo episodio rientra tra le violazioni verificate da Ossigeno per l'Informazione

Realizzato nell'ambito del progetto OSSIGENO M.A.P. - MONITOR ASSIST AND PROTECT, co-finanziato da GMDF (Global Media Defense Fund), il Fondo creato nell'ambito della Campagna Globale per la Libertà dei Media nel quadro del Piano d'Azione dell'ONU per la Sicurezza dei Giornalisti e la tematica dell'Impunità. Il GMDF è stato sviluppato con l'obiettivo di facilitare la libertà dei media e migliorare l'accesso dei giornalisti ad una tutela legale specializzata e sensibile alla diversità di genere. Gli autori sono responsabili della scelta e della presentazione dei fatti contenuti in questa pubblicazione e delle opinioni ivi espresse, che non sono necessariamente quelle dell'UNESCO e non impegnano l'UNESCO.

Assistenza Legale

Diffamazione. Prosciolta dopo 7 anni una giornalista freelance difesa da Ossigeno

Vanessa Valvo era stata querelata da un parroco che alla fine ha ritirato la querela – Il riferimento a Mafia Capitale – Gli editori, la manleva e le spese legali

OSSIGENO 1 Marzo 2022 – La giornalista freelance Vanessa Valvo, querelata per diffamazione a mezzo stampa da un parroco che era presidente della Cooperativa Sociale di Novara, è stata prosciolta il 26 gennaio 2022 dal Tribunale di Biella a seguito del ritiro della querela in cambio del pagamento di una somma simbolica. E’ stato prosciolto anche il giornalista Attilio Mattioni, all’epoca direttore responsabile del settimanale “L’Altomilanese” che nel 2015 aveva pubblicato i due articoli firmati da Vanessa Valvo, all’origine della querela.

Grande soddisfazione è stata espressa dall’Ufficio di Assistenza Legale Gratuita di Ossigeno che, in considerazione del valore strategico che questa vicenda ha al fine di fare conoscere con l’evidenza dei fatti quale uso si fa in Italia del diritto di querela, ha assistito con pareri legali Vanessa Valvo e poi, in collaborazione con Media Defence, ha assunto la sua difesa in giudizio, affidandola all’avv. Andrea Di Pietro, coadiuvato dalla collega Silvia Gelpi.

I FATTI – Il 16 e il 30 gennaio 2015 il settimanale diretto da Mattioni ha pubblicato DUE articoli firmati da Vanessa Valvo per raccontare che una Cooperativa Sociale di Novara aveva subito una perquisizione nel quadro delle indagini giudiziarie svolte per accertare presunte ramificazioni delle imprese coinvolte nella grande inchiesta romana denominata “Mafia Capitale”. Quegli articoli criticavano l’atteggiamento del Comune di Turbigo (Milano) nei confronti della Cooperativa Sociale, perche Iil Comune non si era attivato in merito alle preoccupazioni destate da quella perquisizione ordinata nel quadro di una inchiesta panale sulla criminalità organizzata. La giornalista aveva criticato il Comune di Turbigo, per aver confermato la fiducia alla Cooperativa Sociale  rinnovandole, anche per il 2015, l’appalto per la manutenzione del verde pubblico. Lo spoglio delle buste di offerta dei partecipanti alla gara c’era stato il giorno prima che i Reparti Operativi Speciali dei Carabinieri perquisissero la sede legale della Cooperativa di Novara. Quattro mesi dopo, il 4 aprile 2015, il sacerdote, all’epoca dei fatti rappresentante legale della cooperativa, aveva querelato la giornalista e il direttore responsabile del settimanale “L’Alto Milanese”, ritenendo quegli articoli offensivi per la Cooperativa.

IL RITIRO DELLA QUERELA – Dopo sette anni, all’udienza del 26 gennaio scorso, quasi alla fine del dibattimento, finalmente, facendo prevalere il buonsenso, il parroco ha accettato di ritirare la querela a fronte del pagamento di una somma simbolica. Questa proposta di componimento bonario della vicenda processuale è stata accettata sia dalla giornalista Vanessa Valvo, sollevata da qualsiasi onere economico per le spese di giudizio, sia dal direttore del giornale Mattioni, che si è fatto carico anche della quota a lei spettante. Il giudice ha pertanto emesso la sentenza di proscioglimento per entrambi gli imputati poichè il reato è risultato estinto dall’intervenuta remissione della querela e dalla contestuale accettazione da parte dei giornalisti imputati.

Leggi il commento di Ossigeno: Freelance ed editori. Chi paga le spese legali per gli articoli pubblicati 

Leggi notizie sull’attività dell’Ufficio di Assistenza Legale di Ossigeno

ASP

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Sentitevi liberi di contribuire!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.