Leggi e sentenze

I temi della ricerca UNESCO sulla libertà d’espressione

 Uso scorretto della giustizia, leggi punitive vecchie e nuove, cause e  querele temerarie per diffamazione, turismo giudiziario

OSSIGENO 9 dicembre 2022 La libertà di espressione ha perso terreno pressoché ovunque. Non è una sensazione. È la diagnosi contenuta in un autorevole studio dell’UNESCO reso noto il 9 dicembre 2022 e tradotto in italiano da Ossigeno per l’Informazione (leggi il documento).

Il documento dell’Agenzia delle Nazioni Unite descrive i problemi globali e quelli di ciascuna parte del mondo, indica i deludenti risultati delle battaglie dell’ultimo decennio e raccomanda ai governi dei singoli paesi di fare meglio la loro parte con interventi concreti.

Quali sono i problemi? Come si manifestano?

Innanzitutto con il sempre più ampio “uso scorretto del sistema giudiziario per attaccare la libertà di espressione” ovvero con quelle azioni legali infondate, strumentali contro giornali e giornalisti che in Italia si chiamano querele o cause temerarie e in inglese si chiamano proprio “schiaffi” (SLAPP). In secondo luogo,  con nuove leggi prodotte i 44 paesi che fanno fare passi indietro a questa fondamentale libertà. Dal 2016 a oggi, dice l’UNESCO,  57 leggi e regolamenti nuovi o modificati contengono un linguaggio eccessivamente vago o punizioni sproporzionate tali da mettere in pericolo la libertà di espressione ‘online’ e la libertà dei media. Inoltre stanno aumentando le querele, le cause civili per diffamazione e le “azioni legali strategiche contro la partecipazione pubblica” (SLAPP) non soltanto in Italia ma nel mondo.

Purtroppo, dieci anni di campagne volte a depenalizzare la diffamazione (cioè a convincere i parlamenti di ciascun paese a regolare la difesa della reputazione con il codice civile e a punirla senza condanne al carcere) si sono conclusi con un sostanziale fallimento o, come dice l’UNESCO, con “una battuta d’arresto”.

Nell’80% dei Paesi del mondo la diffamazione è ancora regolata (come in Italia) principalmente dalla legge penale e in molti paesi i colpevoli sono passibili (come in Italia) della pena detentiva. Eppure è sempre più condivisa, dice l’UNESCO citando numerosi autorevoli pareri, l’opinione che giudicare le accuse di diffamazione a mezzo stampa come un reato abbia un effetto raggelante sulla libertà di informazione, e che il carcere sia una punizione sproporzionata per queste violazioni. Eppure dieci anni fa la depenalizzazione si stava diffondendo anche all’interno di Paesi che poi invece hanno mantenuto o addirittura reintrodotto la morsa della via penale. Che cosa è accaduto?

In questi anni, diversi Paesi hanno imboccato la strada opposta: hanno reintrodotto o inasprito le norme sulla diffamazione semplice e a mezzo stampa e sull’ingiuria, hanno promulgato nuove leggi per rafforzare la sicurezza informatica e a combattere le “notizie false” e l’incitamento all’odio, hanno visto aumentare le cause civili per diffamazione, di solito preferibili, ma spesso tali da “turbare” la libertà di espressione e il lavoro dei giornali e dei giornalisti, per le richieste di risarcimento sproporzionate e i costi legali proibitivi.

Sulla scena sono apparse nuove forme di compressione del diritto d’espressione: il “forum shopping” che, ricorda Unesco, si riferisce alla pratica di selezionare il tribunale in cui intentare un’azione sulla base della prospettiva dell’esito più favorevole o di mettere in difficoltà l’accusato; le SLAPP basate sulle accuse di diffamazione usate spesso per spingere i giornalisti a non pubblicare determinate notizie contenuti e per scoraggiare i loro colleghi.

QUALCHE NUMERO – Nell’Europa centrale e orientale è aumentato il ricorso alla legge penale per punire la diffamazione, che è un reato in 15 dei 25 stati della regione, e nella maggior parte di essi prevede sanzioni detentive. Dieci paesi hanno abolito tutte le disposizioni generali contro la diffamazione e l’insulto e altri quattro hanno attuato una parziale depenalizzazione.

RACCOMANDAZIONI – Unesco raccomanda agli Stati che non l’hanno già fatto di abrogare le leggi penali sulla diffamazione e sostituirle con un’appropriata legislazione civile in linea con gli standard internazionali. Le organizzazioni della società civile e gli operatori dei media sono invitati a impegnarsi nelle campagne di difesa e sensibilizzazione volte a mobilitare i cittadini e a garantire che le sentenze internazionali e regionali siano pienamente attuate a livello nazionale. Allo stesso tempo, il supporto e la pubblicazione di casi di violazione particolarmente significativi può aiutare a spingere verso modifiche legislative e l’abolizione del reato di diffamazione. Anche il supporto legale fornito ai giornalisti è fondamentale per incoraggiare chi è preso di mira a proseguire nel suo lavoro e può portare a legali e politici concreti e positivi.

Lo studio dell’UNESCO è stato pubblicato il 9 dicembre 2022 nella collana “World Trends Report on Freedom of Expression and Media Development”. La versione italiana, a cura di Ossigeno per l’Informazione, è a questo LINK ed è accompagnata dai commenti di Giuseppe Federico Mennella, segretario generale di Ossigeno, dell’avv. Andrea Di Pietro, coordinatore dell’Ufficio di assistenza Legale Gratuita di Ossigeno, e di Alberto Spampinato, presidente di Ossigeno. ASP

 

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Sentitevi liberi di contribuire!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.