Questo episodio rientra tra le violazioni verificate da Ossigeno per l'Informazione

Violazioni verificate

Il Gazzettino di Sicilia vittima degli hacker per 12 giorni

Dal 25 gennaio al 6 febbraio 2018 il sito è stato più volte messo offline. L’episodio più significativo si è verificato il 27 gennaio, in occasione della Giornata della Memoria. Il direttore della testata, Angelo Scuteri, ha reso pubblico l’attacco lo scorso 6 febbraio, denunciando quanto accaduto in una conferenza stampa organizzata presso la sede della testata online. “Abbiamo voluto sensibilizzare l’opinione pubblica sulla libertà di stampa e soprattutto sulla necessaria tutela per chi fa informazione sul web”, ha detto Scuteri a Ossigeno. Il direttore ha provveduto a segnalare l’episodio alla Polizia Postale di Palermo e a formalizzare una denuncia contro ignoti il 6 febbraio 2018.

Alla redazione del Gazzettino hanno espresso solidarietà il Presidente dell’Odg Sicilia, Giulio Francese, il presidente dell’Unci regionale, Andrea Tuttoilmondo, e il segretario della Fnsi regionale, Alberto Cicero (leggi).

I PRECEDENTI IN SICILIA – Dal 2011 a oggi, in Sicilia, Ossigeno ha rilevato 297 gravi violazioni della libertà di stampa e di espressione commesse con atti di violenza, illeciti o abusi nei confronti di altrettanti giornalisti, blogger, operatori video, foto reporter, editori, i cui nomi sono pubblicati nella Tabella dell’osservatorio. Nel 2018 sono stati aggiunti a questo elenco 7 nomi.

RDM

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Sentitevi liberi di contribuire!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.