Memoria

‘La Gente d’Italia’ pubblica il Pannello della Memoria di Ossigeno

Il magazine online degli italiani nel mondo lo pubblica insieme alle storie dei giornalisti italiani uccisi, riprese dal nostro sito ‘Cercavano la verità’

OSSIGENO 25 maggio 2021 – Per ricordare la ricorrenza annuale della Giornata mondiale dell’Onu per la libertà di stampa (WPFD, 3 maggio) il magazine online ‘La Gente d’Italia’– cronache degli italiani dal mondo, ha dedicato un articolo alla memoria dei giornalisti uccisi perché “cercavano la verità” ( leggi ) e lo ha illustrato con il Pannello della Memoria di Ossigeno che riproduce i volti dei cronisti italiani uccisi per avere cercato verità scomode facendo con passione ed onestà intellettuale il proprio dovere professionale e civico. Trenta giornalisti che non hanno avuto paura di cercare la verità e per questo hanno pagato con la vita.

CERCAVANO LA VERITA’ – Il settimanale ha ricordato che maggio è ‘un mese nero’, perché conta ben cinque tragici anniversari di morte. La Gente d’Italia ha invitato i lettori a prendere visione dei nomi di tutti gli uccisi: “Trenta nomi per trenta storie personali diverse, ma accomunate dalla stessa passione per il giornalismo come impegno civile. Le loro storie ora sono raccolte per la prima volta insieme nel sito Cercavano la verità realizzato da Ossigeno per l’Informazione”, che è “più di un archivio, più di una porta unica di accesso alle informazioni, ora in ordine sparso, sulle vicende che hanno portato alla morte di 30 uomini e donne che la passione per il giornalismo ha portato in prima linea: uno strumento al servizio della memoria collettiva. E’ questo il sito ‘Cercavano la verità’, realizzato da Ossigeno per l’Informazione e messo online il 3 maggio, Giornata Mondiale della Libertà di Stampa”.

Ossigeno ringrazia la Gente d’Italia.

LT

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Sentitevi liberi di contribuire!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.