Libertà di stampa. Italia non peggio di altri se si usa lo stesso metro

Ossigeno, che si affida ad un metodo di monitoraggio rigoroso e documentato, insiste sulla necessità di uno standard condiviso a livello internazionale

Nel 2017, Reporters Sans Frontieres ha collocato l’Italia al 73.mo posto nella sua classifica della libertà di stampa nei 180 paesi esaminati. (…)  è prevedibile che anche nella classifica che sarà pubblicata a primavera del 2018 l’Italia otterrà un pessimo posto in graduatoria. Probabilmente le cose andranno così, anche se non stanno proprio così. L’Italia non è la pecora nera, ma appare tale perché si usano due pesi e due misure, due bilance, una per l’Italia una diversa per gli  altri.

Leggi intero articolo Libertà stampa. L’Italia è la pecora nera? No, ma lo diranno ancora

ASP-ONY

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Sentitevi liberi di contribuire!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.