Aggiornamenti

Offese la memoria del boss. Condannato

La Cassazione ha inflitto al giornalista Rino Giacalone 600 euro di multa più danni e spese per complessivi 7000 euro

Il 13 gennaio 2020 la Corte d’Appello di Palermo ha riconosciuto il giornalista Rino Giacalone colpevole del reato di diffamazione a mezzo stampa e lo ha condannato a pagare una multa di 600 euro più i danni morali e le spese processuali alle parti civili, per un importo di circa settemila euro.

Il processo è nato da una querela degli eredi del capomafia Mariano Agate in relazione a un articolo in cui il giornalista ne ricostruiva la carriera criminale concludendo che con la sua morte la Sicilia aveva perso un “pezzo di merda”.

A giugno del 2016 il Tribunale di Trapani aveva assolto il giornalista.

Il presidente dell’UNCI Campania, Sandro Ruotolo, ha espresso solidarietà a Rino Giacalone

ASP

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Sentitevi liberi di contribuire!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.