Violazioni verificate

Ossigeno ha accertato altre 6 minacce – 21 settembre 2018

Ne sono vittime i giornalisti Salvo Palazzolo (Palermo), Mario De Michele (Orta di Atella), Antonella Napoli (Roma), Mauro Favale, Yara Nardi e Oriana Boselli (anch’essi a Roma). Il contatore 2018 è arrivato a 210 nomi

“Ossigeno per l’Informazione” ritiene che gli episodi di seguito descritti rappresentino ingiustificabili violazioni della libertà di espressione e di stampa. I sei nominativi di giornalisti e blogger colpiti direttamente sono stati aggiunti alla Tabella dei nomi delle vittime di attacchi ingiustificabili.

Dal 1 gennaio al 21 settembre 2018 Ossigeno ha accertato e documentato 210 ingiustificabili attacchi dello stesso tipo.

Salvo Palazzolo
PALERMO – Il 14 settembre 2018 i carabinieri, su mandato della Procura della Repubblica di Catania, hanno effettuato una perquisizione nella casa del giornalista di Repubblica ed esperto di mafia, Salvo Palazzolo. Al cronista sono stati sequestrati due cellulari, il tablet e tre hard disk. E’ indagato per rivelazione del segreto d’ufficio, in concorso con un pubblico ufficiale,  per aver pubblicato, lo scorso 8 marzo 2018, un articolo nel quale riferiva la chiusura dell’indagine su tre poliziotti accusati di aver depistato le indagini sulla strage di via D’Amelio, pilotando le dichiarazioni di Vincenzo Scarantino.  La Procura gli contesta di aver dato notizia della chiusura dell’indagine tre ore prima che gli atti venissero notificati ai poliziotti. Solidarietà a Palazzolo è stata espressa dal mondo del giornalismo e dalle istituzioni.
Approfondisci la notizia su Ossigeno.info

Mario De Michele
ORTA DI ATELLA (Caserta) – Il 19 settembre ad Orta di Atella (Caserta), in una zona periferica oggetto delle sue inchieste giornalistiche, Mario De Michele, direttore di Campania Notizie, è stato aggredito e minacciato da due uomini con il volto coperto da un casco integrale per motociclisti. De Michele era alla guida della sua vettura quando i due sconosciuti , a bordo di uno scooter con targa coperta, gli hanno tagliato la strada impedendogli di proseguire. Uno dei due si è avvicinato all’auto del giornalista e gli ha stretto le mani intorno al collo dicendogli: “Su Orta di Atella stai rompendo il c…”. L’altro ha invece colpito ripetutamente con una spranga il parabrezza della vettura. De Michele ha denunciato l’accaduto ai carabinieri del posto. Il giornalista aveva già subito altre minacce. A luglio 2018 ha ricevuto una busta con dei proiettili .
Approfondici la notizia su Ossigeno.info

Mauro Favale, Yara Nardi, Oriana Boselli
ROMA – Il 13 settembre 2018 la polizia municipale di Roma ha fermato e identificato (per ben due volte) il giornalista di Repubblica, Mauro Favale, e le fotoreporter freelance, Yara Nardi e Oriana Boselli, quindi ha imposto loro di allontanarsi impedendo loro di documentare con foto e video lo sgombero di alcune famiglie rom dal Camping River di Roma, in via Tiberina. Gli agenti hanno detto ai giornalisti che dovevano andarsene “per motivi di sicurezza” e hanno minacciato di denunciarli se avessero “fatto resistenza”.  La Rete NoBavaglio ha chiesto l’intervento di Odg e Fnsi; l’Associazione Stampa Romana ha chiesto al comandante dei Vigili Urbani di fare in modo che i giornalisti possano lavorare.
Leggi la notizia su DinamoPress

Antonella Napoli
ROMA – Il 10 settembre la giornalista Antonella Napoli, componente dell’ufficio di presidenza di Articolo21, è stata oggetto di insulti e minacce su Twitter per aver pubblicato un tweet critico all’ascesa del partito neonazista in Svezia dopo le ultime elezioni. Antonella Napoli è stata offesa con frasi sessiste da esponenti neofascisti. Il giorno dopo la giornalista ha presentato denuncia alla polizia postale di Roma. Solidarietà dalla FNSI.
Leggi la notizia su Articolo21

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.