Questo episodio rientra tra le violazioni verificate da Ossigeno per l'Informazione

Realizzato nell'ambito del progetto OSSIGENO M.A.P. - MONITOR ASSIST AND PROTECT, co-finanziato da GMDF (Global Media Defense Fund), il Fondo creato nell'ambito della Campagna Globale per la Libertà dei Media nel quadro del Piano d'Azione dell'ONU per la Sicurezza dei Giornalisti e la tematica dell'Impunità. Il GMDF è stato sviluppato con l'obiettivo di facilitare la libertà dei media e migliorare l'accesso dei giornalisti ad una tutela legale specializzata e sensibile alla diversità di genere. Gli autori sono responsabili della scelta e della presentazione dei fatti contenuti in questa pubblicazione e delle opinioni ivi espresse, che non sono necessariamente quelle dell'UNESCO e non impegnano l'UNESCO.

Ragusa. Condannata una donna che diffamò Paolo Borrometi

6 mesi di carcere, dovrà risarcire il giornalista e pagare le spese legali. Lo aveva definito un ’fallito’ e un ‘persecutore’ 

OSSIGENO 27 ottobre 2022 – Il 7 ottobre 2022 la giudice Gemma Occhipinti del Tribunale di Ragusa ha condannato in primo grado a 6 mesi di reclusione e a versare un risarcimento di 2500 euro Desirée Crapula, figlia del capomafia di Avola (Siracusa) Michele Crapula, per avere diffamato il giornalista Paolo Borrometi, vicedirettore dell’Agi, e i suoi familiari.

Ad agosto 2016 Desirée Crapula ha commentato con frasi ingiuriose un articolo del giornalista su “La Spia’, testata online indipendente di cui è responsabile, intitolato “Da Noto a Rosolini, passando per Avola e Pachino: viaggio nel ‘regno’ dei Trigila” che era stato pubblicato anche su Facebook. La donna aveva definito ‘fallito’ e ‘persecutore’ il giornalista e aveva diffamato suo padre con allusioni ingiuriose. (leggi).

Desirée Crapula nei suoi post aveva anche invitato Borrometi a scrivere “i nomi dei tuoi amici giudici che ti informino e ti autorizzano a dire tutto ciò, li porterai in tribunale con te… per fare due lire non sapere nemmeno quello che dire la spia” (testo letterale, n.d.r.).

SOLIDARIETA’ – Ossigeno esprime solidarietà a Paolo Borrometi, del quale ha riportato più volte le minacce subite per le sue inchieste sulla criminalità organizzata (vedi). Il giornalista, che vive da anni sotto scorta, non ha commentato la sentenza. LT

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Sentitevi liberi di contribuire!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.