Riforma diffamazione. Cosa dicono i candidati. Aida Romagnuolo (Lega)

Ossigeno segnala gli interventi di candidati alle elezioni che assumono impegni per abolire la pena del carcere e punire gli attacchi alla libertà di informazione

da Primo Piano Molise 14 febbraio 2018 – Campobasso. «Come giornalista pubblicista iscritta regolarmente all’Ordine, ritengo necessario comunicare a tutta la categoria molisana che, se eletta deputato, sarà mia cura e mio personale impegno promuovere e sostenere la modifica dell’articolo 595 del codice penale (diffamazione) che impone per i giornalisti, fino a sei anni di reclusione». Lo ha detto Aida Romagnuolo, candidata del centrodestra nel collegio maggioritario della Camera Campobasso-Termoli.

L’esponente della Lega ha anche assicurato che «lo stesso impegno sarà profuso con passione e determinazione per cambiare la legge istitutiva dell’Ordine dei Giornalisti sulla rappresentanza, sull’accesso alla professione e all’Albo. È un patto che assumo ufficialmente mettendoci la faccia, davanti a tutti i giornalisti della nostra regione, il Molise, a totale difesa della nostra categoria».

Romagnuolo fa sapere che i vandali hanno «letteralmente polverizzato i nostri manifesti a Campobasso e a Bojano», non una bravata sottolinea «ma un vero e proprio reato». «Troviamo vergognoso prosegue che ci siano ancora delle persone che ubriache dalle ideologie del passato o totalmente asservite a chi crede che la politica e l’impegno in politica serva per demolire e sfasciare lo Stato, pensano di combattere l’avversario politico con questi deplorevoli gesti che di politico non hanno nulla. Sono e restano dei mascalzoni, nell’inconsapevolezza che noi nel Molise ci siamo e ci saremo».

RED

 

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Sentitevi liberi di contribuire!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.