Aggiornamenti

Termini Imerese. Minacciò il giornalista, condannata a pagare multa e risarcimento

Il fidanzato era già stato condannato. Nel 2017. Giuseppe Spallino, corrispondente del Giornale di Sicilia aveva scritto un articolo su un’inchiesta per spaccio di stupefacenti

OSSIGENO 4 giugno 2021 – Il giudice Gregorio Balsamodel  Tribunale di Termini Imerese, sezione penale, il 20 maggio 2021 ha dichiarato Veronica Arata colpevole di minacce gravi ai danni del giornalista Giuseppe Spallino. E l’ha condannata al pagamento di 400 euro di multa più le spese processuali e a versare un risarcimento danni (2mila euro al giornalista e 1500 euro all’Ordine dei Giornalisti della Sicilia costituitosi parte civile.

Giuseppe Spallino era stato minacciato il 29 luglio 2017 da Nicola Ficile e Veronica Arata, fidanzati, e da Giuliano Ficile, fratello di Nicola, a seguito di un articolo nel quale Spallino riferiva i dettagli di un’inchiesta giudiziaria sullo spaccio di stupefacenti a Castelbuono (PA). Ossigeno ha seguito fin dall’inizio la vicenda (leggi qui). L’11 settembre 2018 Nicola Ficile è stato condannato a 6 mesi e 20 giorni per violenza privata. Il fratello Giuliano è stato condannato a 3 mesi e 10 giorni per minaccia grave (leggi qui).

IL GIORNALISTA Giuseppe Spallino ha dichiarato a Ossigeno: “Ho sempre avuto fiducia nella magistratura, con queste sentenze è stata riconosciuta l’importanza della libertà di stampa. Non sono stato mai lasciato solo dall’Ordine dei Giornalisti della Sicilia, che da subito si è costituito parte civile con me nel processo”. GB

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Sentitevi liberi di contribuire!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.