Libertà di stampa

Désir (OSCE): Impuniti 85 per cento degli omicidi

Il Rappresentante per la libertà dei media denuncia gli attacchi politici contro la stampa: sono pericolosi e vanno fermati

Non può esserci alcuna tolleranza nei confronti di coloro che minacciano i giornalisti. Un attacco contro i giornalisti è un attacco contro i nostri stessi diritti di essere informati e di vivere in società libere. Gli attacchi politici contro la stampa sono pericolosi e vanno fermati. Proteggere i giornalisti è urgente.

Lo afferma Harlem Désir, Rappresentante per le libertà dei media presso l’OSCE in un video messaggio al convegno “Giornalisti aggrediti, colpevoli impuniti”, che si è svolto a Roma, a Palazzo Madama, per iniziativa di Ossigeno per l’Informazione e con il Patrocinio dell’UNESCO, per celebrare la Giornata Internazionale dell’ONU per mettere fine all’impunità per i crimini contro i giornalisti (IDEI 2018).

“E’ vergognoso – ribadisce – che su 400 casi di giornalisti uccisi, dei quali 25 nelle regioni dell’OSCE, nell’85 per cento dei casi i responsabili non sono stati né arrestati né processati. L’impunità è quindi il secondo reato contro i giornalisti e un incoraggiamento intollerabile per un aumento delle aggressioni in futuro”.

Il rappresentante dell’OSCE , concludendo, ha espresso apprezzamento per il monitoraggio di Ossigeno per l’Informazione sulla libertà di stampa.

COA

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.