Libertà di stampa

Grasso conferma impegno contro querele temerarie

Il Senatore lo ha annunciato al convegno di Ossigeno. Se un cronista rinuncia a raccontare la sconfitta è del Paese

“La notizia che tra settembre e ottobre ci sono state condanne al clan Spada di Ostia e al boss che minacciava Borrometi – entrambe con l’aggravante del metodo mafioso – ci induce finalmente a un cauto, ma vitale, ottimismo. Non c’è e non ci deve essere spazio per chi minaccia la libertà di stampa”. Lo ha detto il Senatore Pietro Grasso e socio onorario di Ossigeno per l’informazione, intervenuto il 22 ottobre 2018, al convegno “Giornalisti aggrediti, colpevoli impuniti”, che si è svolto a Roma, a Palazzo Madama, per iniziativa di Ossigeno per l’Informazione e del Centro Europeo per la Libertà di Stampa di Lipsia (ECPMF) con il Patrocinio dell’UNESCO, per celebrare la Giornata Internazionale dell’ONU per mettere fine all’impunità per i crimini contro i giornalisti (IDEI 2018).

Guardando i dati dell’impunità, il Senatore ha osservato che verrebbe la tentazione di smettere di raccontare e di fare inchieste. “Io – ha detto – da parte mia, posso soltanto dire che sono fiero di quanti non hanno mai abbassato la testa davanti alle minacce”.

Ha ricordato che la questione delle querele temerarie deve essere affrontata e risolta e che si impegnerà in questo senso. “Ogni giornalista che deve rinunciare a compiere al meglio il proprio lavoro rappresenta una sconfitta per l’Italia”, ha concluso.

GPA

 

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Sentitevi liberi di contribuire!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.