Libertà di stampa

Guy Berger (Unesco): 4 P per sicurezza cronisti

Per il Responsabile Unesco per i media necessarie prevenzione, protezione, processo. Poi propone ‘il Potere delle persone’

Nel 2017 l’Unesco ha denunciato 80 casi di giornalisti uccisi nel mondo, di cui 3 in Europa. La maggior parte di queste uccisioni sono state commesse fuori dalle zone di guerra.
Lo ha dichiarato Guy Berger, Direttore della Divisione dell’UNESCO per la libertà di espressione e lo sviluppo dei media, al convegno di Ossigeno per l’Informazione “Giornalisti aggrediti, colpevoli impuniti”, organizzato in in Senato a Roma, in occasione della Giornata  internazionale dell’Onu per mettere fine all’impunità per i crimini commessi contro i giornalisti.
Guy Berger ha sottolineato che è dovere degli Stati tutelare gli operatori dell’informazione contro gli attacchi, che vanno dalle molestie (di cui sono vittime soprattutto le giornaliste) alle intimidazioni fino agli omicidi, e solo in un caso su dieci i colpevoli vengono puniti.

Da qui l’importanza – ha rilevato Berger – della Piattaforma di monitoraggio del Consiglio d’Europa a cui Ossigeno per l’Informazione è collegato.
Affinché i cronisti pratichino la loro professione in sicurezza servono: “prevenzione, protezione e processo”, ha affermato Berger segnalando che quest’anno l’Unesco ha aggiunto anche “il Potere delle Persone”: attraverso l’hashtag #truthneverdies incoraggia il pubblico a continuare i progetti per i quali i giornalisti hanno sacrificato la vita. Un monito agli aggressori per comunicare loro che i loro sforzi saranno comunque vani.

DEB

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Sentitevi liberi di contribuire!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.