Leggi e sentenze

Mafia. Cafiero de Raho commenta la sentenza sull’aggressione a Maria Grazia Mazzola

Le mafie non tollerano la libera informazione e perciò i giornalisti meritano la protezione dello Stato, ha detto il Procuratore nazionale antimafia

OSSIGENO 21 aprile 2021 – Il giorno stesso della condanna di Monica Laera per l’aggressione del 2018, a Bari, alla giornalista Maria Grazia Mazzola, inviata del Tg1 Rai, il Procuratore nazionale antimafia, Federico Cafiero de Raho, intervenuto in diretta a un dibattito online organizzato dall’Associazione Stampa Romana (rivedi su Facebook) ha commentato la sentenza ribadendo l’importanza del lavoro dei giornalisti che raccolgono informazioni sul territorio, come ha fatto Maria Grazia Mazzola e ha sottolineato che i giornalisti che fanno questo rischioso lavoro meritano la protezione delle autorità statali. Queste le parole del Procuratore:

“Maria Grazia Mazzola nella sua inchiesta si è addentrata in uno dei quartieri dominati dalla mafia pugliese e da uno dei clan più feroci e violenti, quelli che non ammettono che nel loro quartieri si possano fare interviste e domande. Invece il comportamento di Mazzola ha dimostrato come questo va fatto per applicare in pieno le nostre leggi e il diritto della libertà e dell’informazione. Le mafie non vogliono l’informazione ed hanno tra i pilastri su cui fondano la loro forza l’omertà e il silenzio. Per questo i giornalisti sono tra i soggetti più esposti. Credo che con la sentenza di oggi è stato sottolineato come quel comportamento non è frutto semplicemente della esplicazione di un atto di violenza ma è piuttosto esplicazione di un contesto mafioso e di una manifestazione del potere laddove si ritiene di poter svolgere qualsiasi attività e portarla avanti senza nessun limite. Ecco perché a voi giornalisti guardiamo sempre con grandissima attenzione perché  tanti di voi sono sottoposti a misure di protezione e guardiamo a quelle misure di protezione come un momento fondamentale della protezione dello stato di diritto perché  grazie all’informazione e sull’informazione poggia la nostra democrazia. Sottolineo in questa sede come proprio l’Italia sia il Paese più avanti sotto il profilo della tutela dei giornalisti a livello europeo. In diversi incontri internazionali a cui sono stato invitato ho potuto evidenziare quali siano i numeri dei giornalisti minacciati e quali quelli dei giornalisti protetti. La protezione per noi e per l’Italia è il momento più importante per la sicurezza e la democrazia. 

Maria Grazia e tutti gli altri giornalisti costituiscono uno strumento fondamentale dell’azione dello stato attraverso la magistratura. Sarete sempre per noi l’interesse maggiore per proteggere l’informazione e l’interesse di tutti i cittadini”. ASP

Leggi la notizia sulla sentenza di Bari

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Sentitevi liberi di contribuire!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.