Formazione

Ossigeno dà voce e difende i cronisti sotto attacco dei poteri

L’evoluzione delle modalità di attacco al diritto di informare. Alcuni casi emblematici dal 2006 ad oggi

OSSIGENO 19 marzo 2021 – Ossigeno per l’informazione racconta le vicende dei giornalisti e degli operatori dell’informazione intimiditi e minacciati per raccontato la verità. E le intimidazioni crescono nel silenzio, nella solitudine dei cronisti, spesso abbandonati anche dal proprio editore.

Questo il cuore degli interventi di Raffaella Della Morte, giornalista di Ossigeno, e di Andrea Di Pietro, avvocato responsabile dello sportello di assistenza legale di Ossigeno, durante il Seminario dell’Università di Roma Tor Vergata in collaborazione con Ossigeno per l’Informazione e Ordine dei Giornalisti del Lazio su “Fake news e violazioni della libertà di stampa” – Modulo II su “I limiti del diritto all’informazione”.

“Spesso parliamo di giornalisti che lavorano nelle testate online e nelle testate locali, giornalisti che rischiano di scontrarsi ogni giorno con i poteri forti delle loro città, come accaduto a Claudio Ceraso (leggi) – ha spiegato Raffaella Della Morte –. Una grave minaccia oggi sono le querele pretestuose: nel 2019 gli abusi del diritto sono stati pari al 30,8% delle minacce. Un esempio? La vicenda di tre giornalisti del Giornale di Sicilia, assolti dopo 17 anni di processo (leggi)”.

“In Italia – ha ricordato Andrea Di Pietro – la diffamazione è ancora punita con la pena detentiva, e ciò provoca un effetto scoraggiante in chi fa informazione. Come sportello legale di Ossigeno possiamo dire con soddisfazione che il 99% dei casi seguiti si è risolto con proscioglimento e assoluzione del giornalista. Ossigeno è intervenuto in tante occasioni nelle quali il giornalista era stato lasciato solo, come accaduto a Enrico Fierro (leggi), abbandonato durante il processo anche dal suo editore”.

“Ossigeno prova a dare voce anche agli operatori dell’informazione che subiscono sequestri – ha aggiunto Raffaella Della Morte – Emblematico il caso del blog Butac (BufaleUnTantoAlChilo), oscurato interamente nonostante fosse stato querelato soltanto un articolo (leggi)”. A tal proposito l’avvocato ha spiegato che: “Il tema dei sequestri si è risolto tra il 2015 e il 2016 con due sentenze delle Sezioni Unite, entrambe aventi come oggetto l’estensibilità delle tutele costituzionali alle testate telematiche. Ad oggi sono ancora esclusi i blog e i portali informativi, che non godono delle stesse garanzie costituzionali. Quando però un organo informativo si struttura come attività professionale, con un direttore responsabile e una testata, deve poter usufruire delle stesse tutele delle quali gode l’informazione professionale”.

GB

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Sentitevi liberi di contribuire!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.