Aggiornamenti

Perquisizioni Olbia. Restituiti telefono e pc a Tiziana Simula

Lo ha stabilito dopo 13 giorni il Tribunale del Riesame di Sassari. La giornalista è indagata per rivelazione e utilizzazione del segreto d’ufficio

Il 10 aprile 2018 la magistratura ha restituito a Tiziana Simula de La Nuova Sardegna il cellulare, il pc, le penne usb e il materiale cartaceo che le erano stati sequestrati lo scorso 27 marzo, durante la perquisizione giudiziaria estesa alla redazione di Olbia e alla sua  abitazione e automobile. Il dissequestro è stato disposto dal Tribunale del Riesame di Sassari, a cui si era rivolta la giornalista. Si attende di conoscere le motivazioni del dissequestro.

Come ha riferito Ossigeno (leggi), la perquisizione e il sequestro erano stati ordinati dalla Procura di Tempio Pausania, in seguito alla pubblicazione di due articoli. Simula aveva dato notizie aggiornate sugli sviluppi di un’inchiesta giudiziaria nella quale sono coinvolti sei magistrati.  Gli imputati sono accusati di turbativa d’asta per la vendita di una villa in Costa Smeralda.

La perquisizione e il sequestro di telefono e apparecchiature han provocato forti reazioni all’interno della categoria e la Fnsi e l’Odg hanno scritto al Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella (leggi). I vertici di Odg e Fnsi, inoltre, hanno fatto sapere che chiederanno l’intervento del Csm (leggi).

Intanto Simula risulta essere indagata per rivelazione e utilizzazione di segreto d’ufficio (326 cp) senza che la contestazione sia stata formalmente estesa a un pubblico ufficiale ignoto, qualità soggettiva che la norma prevede per contestare il reato.

Leggi anche: Perquisizioni Olbia. Mandiamo a scuola i pm che le ordinano

RDM


Aiutaci anche tu a produrre Ossigeno per l’informazione. Puoi farlo nel modo più semplice in tre modi. 1. Scrivendo il nostro codice fiscale 97682750589 sulla tua dichiarazione dei redditi per assegnare il 5 per 1000 alla nostra ONLUS. Così ci fai una donazione senza spendere un euro. 2. Facendo  una donazione via web a Ossigeno e beneficiando di una detrazione fiscale (leggi). Facendo circolare le notizie e i dati di Ossigeno per rompere il muro del silenzio e dell’indifferenza contro gli attacchi al diritto di dire e di sapere ciò che accade.

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.