Presidente del Senato Casellati a Ossigeno

Il giornalismo, quando è svolto con rigore e con coraggio, costituisce un presidio irrinunciabile della democrazia e un incredibile strumento di tutela della legalità e di lotta al degrado

Di seguito il messaggio che il Presidente del Senato, Maria Elisabetta Alberti Casellati, ha inviato a Ossigeno in occasione del convegno “Troppe minacce ai giornalisti. Allarme dell’Onu”, ospitato venerdì 25 ottobre 2019, a Roma, a Palazzo Madama, per celebrare la Giornata Internazionale per mettere fine all’impunità per i crimini commessi contro i giornalisti.

Autorità, Signore e Signori,

impegni istituzionali all’estero non mi hanno consentito di accogliere il gradito invito a presenziare a questo importante seminario in occasione della giornata mondiale indetta dall’ONU per mettere fine all’impunità per i crimini contro i giornalisti. Desidero comunque inviare il mio saluto e congratularmi con Ossigeno per l’informazione e l’Ordine dei giornalisti del Lazio per l’impegno profuso nell’organizzazione di questa iniziativa che sono felice si svolga proprio qui in Senato.

Al di là degli aspetti formativi e divulgativi, ritengo che essa rappresenti soprattutto un prezioso momento di condivisione e di confronto su tematiche di sempre più allarmante attualità, a cui anche le Istituzioni hanno il dovere di prestare attenzione nell’interesse di un diritto fondamentale quale è quello ad un’informazione libera da ogni forma di condizionamento o di violenza.

Perché, se è dovere del giornalista perseguire con scrupolo e responsabilità la ricerca della verità, è altrettanto sua prerogativa poter svolgere la propria professione in modo pieno e senza limitazione o pregiudizio alcuno.

Il giornalismo, quando è svolto con rigore e con coraggio, costituisce infatti un presidio irrinunciabile della democrazia stessa e un incredibile strumento di tutela della legalità e di lotta al degrado sociale, politico ed economico.

Consentitemi infine di rivolgere, in apertura dei vostri lavori, un sentito pensiero di vicinanza agli orfani e ai familiari dei tanti – troppi – operatori dell’informazione che, nel mondo, hanno pagato con la vita il prezzo della loro vocazione.

Una vicinanza che voglio estendere a tutti i vostri colleghi che, a causa del loro lavoro, sono vittime di inaccettabili coercizioni, soprusi o ritorsioni fisiche e morali.

Sono certa che anche questo seminario saprà essere occasione per riconoscere il valore del loro contributo e per stimolare idee e progetti efficaci per meglio tutelarne il coraggio e il loro essere irrinunciabili “sentinelle di verità”. 

Grazie a tutti. 

Maria Elisabetta Alberti Casellati


Leggi tutti gli articoli sul convegno

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.