Verna, Odg contro le liti temerarie e il carcere

Il presidente dell’Ordine dei giornalisti, Carlo Verna, in un’intervista al quotidiano “Il Dubbio”, parla delle iniziative in atto

In una lunga intervista al quotidiano Il Dubbio, pubblicata il 2 novembre 2019, il presidente dell’Ordine nazionale dei Giornalisti, Carlo Verna, riflette sullo stato della professione (“Siamo bersagliati come se, per assurdo, fossimo anche noi una casta. E’ strano ma si è perso il valore della professione giornalistica”) e si intrattiene ampiamente sulla ormai annosa questione delle iniziative giudiziarie promosse al solo fine di intimidire il giornalista e impedirgli di informare su fatti veri e di interesse pubblico.

Verna si riferisce, in particolare, a due elementi precisi: primo, il disegno di legge n.835 in (lenta) discussione nella Commissione Giustizia del Senato che propone un modo di limitare il ricorso alle liti civili temerarie; secondo, il fatto che la Consulta si dovrà pronunciare sulla legittimità costituzionale delle norme che prevedono pene detentive per il reato di diffamazione a mezzo stampa.

L’Ordine – rende noto il suo presidente – ha chiesto di costituirsi nel giudizio. A proposto del ddl n.835 di iniziativa del senatore Primo Di Nicola, Verna dichiara: “Sarebbe sensato pensare ad arricchire l’effetto deterrenza anche con una specifica valutazione sull’eventuale azione reiterata del querelante”.

Sull’attività di Ossigeno per l’Informazione Onlus per monitorare le intimidazioni contro i giornalisti e sostenere concretamente quei giornalisti che non hanno la possibilità di difendersi autonomamente, il presidente Verna afferma che il confronto e il contatto con la Onlus è costante e aggiunge che Ossigeno “svolge un’eccellente e puntuale opera di verifica statistica”.

Leggi l’articolo su Il Dubbio

GFM

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Sentitevi liberi di contribuire!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.