Questo episodio rientra tra le violazioni verificate da Ossigeno per l'Informazione

Realizzato nell'ambito del progetto OSSIGENO M.A.P. - MONITOR ASSIST AND PROTECT, co-finanziato da GMDF (Global Media Defense Fund), il Fondo creato nell'ambito della Campagna Globale per la Libertà dei Media nel quadro del Piano d'Azione dell'ONU per la Sicurezza dei Giornalisti e la tematica dell'Impunità. Il GMDF è stato sviluppato con l'obiettivo di facilitare la libertà dei media e migliorare l'accesso dei giornalisti ad una tutela legale specializzata e sensibile alla diversità di genere. Gli autori sono responsabili della scelta e della presentazione dei fatti contenuti in questa pubblicazione e delle opinioni ivi espresse, che non sono necessariamente quelle dell'UNESCO e non impegnano l'UNESCO.

Marano. Assolto da querela per critiche a concorso comunale

Il direttore di ‘Terranostranews’ Fernando Bocchetti aveva parlato di un conflitto d’interessi fra presidente commissione esaminatrice e vincitrice della selezione

OSSIGENO 5 dicembre 2022 – La giudice monocratica Antonella Autorino del Tribunale di Napoli Nord – Seconda sezione penale – il 19 luglio 2022 ha assolto con formula piena dall’accusa di diffamazione il giornalista Fernando Bocchetti (direttore responsabile della testata online ‘Terranostranews”, da lui fondata nel 2015), perché il fatto contestato non costituisce reato.

Nel 2017 era stato querelato della ex dirigente del Comune di Marano (Napoli) Claudia Gargiulo, che si era sentita diffamata da due articoli pubblicati sulla testata online, nei quali il giornalista critica le modalità di selezione di un concorso pubblico per un posto da dirigente amministrativo, ipotizzando un conflitto d’interessi. Il concorso era stato vinto da una dipendente comunale in rapporti di amicizia con Claudia Gargiulo, che aveva presieduto le prove scritte. Per la giudice gli articoli hanno rispettato i criteri di verità, pertinenza e continenza. Fernando Bocchetti, che è anche uno storico collaboratore del ‘Mattino’ di Napoli, è stato difeso dall’avvocato Aniello Sansone.

I FATTI – Qualche tempo prima dell’uscita degli articoli incriminati su ‘Terranostranews.it’ il Comune di Marano aveva bandito un concorso per direttore di area amministrativa. La vincitrice del concorso, aperto a tutti, era risultata una dipendente comunale, che aveva collaborato anche con la dottoressa Gargiulo, la quale era stata nominata presidente della commissione esaminatrice per la pre-selezione, che prevedeva prove scritte. A corredo degli articoli Fernando Bocchetti aveva pubblicato una fotografia che ritraeva le due donne abbracciate al mare (guarda), che faceva supporre un rapporto non solo lavorativo, ma anche di amicizia fra di loro. Aveva per questo sollevato il dubbio di un conflitto d’interesse, perché presidente della commissione per le prove scritte era stata la dottoressa Gargiulo, la quale, secondo le parole del giornalista “aveva…giudicato le prove pre-selettive di un’amica (le calligrafie di colleghi e amici sono facilmente riscontrabili)…”, anche se per le prove orali e conclusive, mesi dopo, fu incaricato un prefetto.

IL GIORNALISTA – Ossigeno si è già occupato di Fernando Bocchetti anni fa, quando venne aggredito sotto il Comune di Marano da un dipendente comunale (leggi). Oggi ci racconta: “Per ‘Il Mattino’ mi occupo da quasi 20 anni di cronaca nera, giudiziaria e altro, ma è da quando ho fondato la testata giornalistica ‘Terranostranews’ che ho collezionato in poco tempo ben 36 procedimenti giudiziari, tutti vinti. Sono il direttore responsabile e rimango sempre coinvolto nelle querele, anche perché godiamo di maggiore libertà nell’affrontare i problemi dell’area Nord di Napoli, che è molto particolare. Mi sono costate molti soldi e molte preoccupazioni”.

SOLIDARIETA’ – Ossigeno esprime pubblica solidarietà e sostegno a Fernando Bocchetti, vittima di quel collaudato sistema che molti amministratori pubblici usano per silenziare le denunce degli operatori dell’informazione. Le querele e le richieste di risarcimento danni infondate, spesso vengono usate per intimidire chi cerca di fare correttamente il proprio lavoro. Queste querele, anche se in molti casi finiscono nel nulla, come per Fernando Bocchetti, costringono i querelati a perdere tempo per difendersi, tolgono la tranquillità, costano denaro, e lasciano un segno profondo che incide sulla libertà di informazione e sulla democrazia. LT

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Sentitevi liberi di contribuire!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.