Ossigeno per l'Informazione segnala questo episodio riservandosi di acquisire ulteriori dettagli significativi prima di inserirlo tra le violazioni verificate

Violazioni probabili

46 probabili minacce accertate da Ossigeno dal 1 gennaio al 31 marzo 2020

I nomi e i dettagli degli episodi classificati da Ossigeno nel periodo 1 gennaio –  31 marzo 2020 e segnalati alle istituzioni

Ossigeno per l’Informazione ritiene che ognuno degli episodi qui di seguito segnalati meriti un’attenta verifica, per stabilire se – come sembra da un primo esame – essi rappresentano effettive e ingiustificabili violazioni della libertà di stampa e di espressione e se, di conseguenza, i giornalisti e le altre persone che ne sono state danneggiate meritano solidarietà e assistenza. Avendo già impegnato le proprie risorse nella verifica puntuale di altri episodi altrettanto meritevoli di attenzione, l’Osservatorio auspica che altre organizzazioni possano farsene carico rendendo pubblico il risultato del loro lavoro, come fa Ossigeno, e informandone il nostro Osservatorio.

Mariangela Pira (Web)
La giornalista di SkyTg24 Mariangela Pira è stata presa di mira con insulti sessisti su twitter. Solidarietà alla giornalista è stata espressa dal Cdr di SkyTg24, da Stampa Romana e dalla federazione della stampa
La notizia su Stampa Romana (leggi) e sul sito della Fnsi (leggi)

Francesco Scollo (Sicilia)
CATANIA – La redazione di LiveSicilia e il giornalista Francesco Scollo autore dell’articolo “Calatino, focolaio in Ospedale. Disposti tamponi a tappeto” sono stati attaccati e accusati di fare “pericolosa disinformazione” dopo che l’Asp di Catania ha inviato un comunicato stampa in cui spiegava che riteneva inopportuna l’espressione “focolaio in Ospedale” perchè avrebbe creato confusione in pazienti e familiari. La stessa Asp è intervenuta nuovamente per difendere il lavoro della testata spiegando di non avere mai messo in discussione la correttezza professionale della testata online e ha condannato “le offese, gli attacchi personali e le accuse montate astutamente contro LiveSicilia”.
Riportano la notizia LiveSicilia (leggi), Giornale L’Ora (leggi) e Primastampa (leggi)

Danilo Fenner (Trentino Alto Adige)
TRENTINO ALTO ADIGE – Il Consigliere provinciale della Lega Nord Alessandro Savoi ha insultato e minacciato il giornalista Danilo Fenner, commentando su facebook una discussione sull’autorizzazione a procedere del Senato nei confronti dell’ex Ministro degli Interni e leader della Lega Matteo Salvini.
Al giornalista Danilo Fenner Savoi ha scritto direttamente “Zecche rosse… bastardi. Sarà vandetta… si salvi chi può quando vinceremo…”.
Un commento al quale Fenner ha risposto chiedendo a Savoi “ma le sembra una cosa degna di un consigliere provinciale? Anzi, di un Uomo?”. Ma Savoi ha rincarato la dose: “Siete voi, come le sardine peraltro, che vivete di odio contro di noi. Dove c’è Lega c’è la civiltà dell’amore. Dove c’è la sinistra c’è solo odio e rancore, Ad maiora”.
Riportano la notizia L’Adige (leggi) e Il Dolomiti (leggi)

Francesca Mari (Campania)
ERCOLANO – La giornalista Francesca Mari, collaboratrice de Il Mattino, è stata minacciata da un lettore in una chat privata su fb dopo la pubblicazione di un articolo sulla morte di un bambino ad Ercolano. “Ti rammento che abitiamo vicino e le nostre teste sono calde”, “Impara ad esercitare il tuo lavoro perché sei una deficiente” sono i messaggi inviati dall’utente alla giornalista.
Hanno espresso solidarietà alla giornalista il SUGC e la Fnsi.
Riporta la notizia Vesuviolive.it (leggi) e il sito della Fnsi (leggi)

Salvatore Bartolotta, Donata Calabrese, Danila Bonsangue, Luigi Manno (Sicilia)
CALTANISSETTA – Il Tribunale di Caltanissetta ha archiviato la querela per diffamazione presentata dall’ex manager dell’Asp di Caltanissetta Carmelo Iacono nei confronti dell’ex sindaco di Gela e dei giornalisti Salvatore Bartolotta, allora capo ufficio stampa del Comune di Gela, Donata Calabrese, Danila Bonsangue e Luigi Manno. I fatti si riferiscono al 2017 quando durante un sit in davanti l’ospedale “Vittorio Emanuele” di Gela l’allora primo cittadino denunciò i mancati introiti milionari per il tetto di spesa relativo al personale dell’ASP provinciale di circa 5 milioni di euro.
Il gip ha riconosciuto per i giornalisti che riportarono la notizia il diritto di cronaca e per l’ex sindaco il diritto di critica.
Riportano la notizia AgrigentoNotizie.it (leggi) e il Quotidianodigela.it (leggi)

Lillo Miceli, Mario Ciancio Sanfilippo (Sicilia)
CATANIA – Il Tribunale di Catania ha disposto l’archiviazione della querela dell’ex sindaco di Furnari (ME) Salvatore Lopes nei confronti del giornalista de La Sicilia Lillo Miceli e dell’allora direttore Mario Ciancio Sanfilippo. Lopes li aveva querelati per un articolo del 2016 sulla vendita di beni demaniali a mafiosi e di una inchiesta disposta dall’allora Presidente della Regione Siciliana Rosario Crocetta. Per l’ex sindaco il titolo e l’articolo erano offensivi nei suoi confronti. Il fiudice ha riconosciuto l’interesse pubblico dell’articolo.

Klaus Davi (Calabria)
REGGIO CALABRIA – Nuove minacce di morte contro Klaus Davi dopo la pubblicazione dell’intervista al presunto boss di ‘ndrangheta Michele Labate. Le minacce sotto forma di commenti al video pubblicato sul proprio canale youtube dal massmediologo. «Ancora non ti hanno fatto saltare le cervella? Klawn di m…» e «Ancora non sei morto?» sono alcuni dei messaggi ricevuti da Davi
Riporta la notizia ReggioTV.it (leggi)

Mario De Michele (Campania)
WEB – Nuovi insulti social contro Mario De Michele, direttore di Campania Notizie. La notizia è stata resa nota dal presidente dell’odg Campania Ottavio Lucarelli che ha espresso la propria solidarietà al giornalista che da alcuni mesi vive sotto scorta dopo l’attentato subito a Gricignano di Aversa.
Riporta la notizia Campanianotizie.com (leggi)

Roberta Galeotti (Abruzzo)
AVEZZANO (L’Aquila) – Il direttore responsabile del giornale online IlCapoluogo.it è stato querelato per diffamazione per la pubblicazione di due articoli su due concorsi pubblici, uno dell’Ater e uno del Comune di Avezzano, in cui si criticava la scelta di pubblicare i bandi ad agosto (quello del comune di Avezzano) senza darne la giusta pubblicità ma limitandosi a pubblicare il bando sull’Albo Pretorio del comune.
Riporta la notizia ilCapoluogo.it (leggi)

Operatore Rai (Abruzzo)
SILVI (Teramo) – Il sindaco di Silvi (Teramo), Andrea Scordella, non ha consentito l’accesso di un operatore Rai all’interno dell’aula del consiglio comunale impedendogli di filmare i lavori del consiglio. Il regolamento prevede servizio di streaming
Riportano la notizia tgroseto.it (leggi) e il sito della Fnsi (leggi)

Chiara Giannini (Web)
WEB – La giornalista Chiara Giannini ha ricevuto insulti e minacce di morte sui social dopo aver commentato la vicenda del 15enne ucciso da un carabiniere a Napoli.
Solidarietà da parte della Fnsi.
Riporta la notizia il sito della Fnsi (leggi) e i siti tarantinitime.it (leggi) e prpchannel.com (leggi)

Cristiano Brandazzi, Mario Borra (Lombardia)
CASALPUSTARLENGO – Il giornalista Cristiano Brandazzi, del Cittadino di Lodi, ha denunciato di essere stato diffidato dalla Guardia di Finanza a Casalpusterlengo, dove vive, da fare riprese e e raccogliere testimonianze nella zona rossa. La diffida è scattata anche per il suo collega Mario Borra del Giorno. Dopo qualche giorno il Comando Regionale Lombardia della Guardia di Finanza ha comunicato formalmente che la  “diffida uso improprio di riprese foto/video” notificata ai due giornalisti de Il Giorno e Il Cittadino di Lodi, sarà archiviata. Ai giornalisti, che stavano documentando una raccolta di firme per la riapertura di un esercizio commerciale a Casalpusterlengo, era stata contestata la “captazione illecita” di immagini della pattuglia del Gruppo Pronto Impiego di Milano.
Riportano la notizia il sito de Le Iene (leggi), l’Odg Lombardia (leggi) e MilanoToday (leggi)

Gazzetta del Mezzogiorno
Il deputato Gianfranco Rotondi, vicepresidente del gruppo di Fi alla Camera, ha dato mandato al proprio legale di presentare querela e di procedere anche civilmente nei confronti della Gazzetta del Mezzogiorno. Il politico non ha apprezzato alcune notizie secondo le quali sarebbe pronto a impegnarsi insieme ad altrii parlamentari definiti “responsabili” pronti a sostenere politicamente il Governo Conte. Gianfranco Rotondi ha definito queste informazioni false e lesive della sua onorabilità.
Riporta la notizia l’AdnKronos (leggi)

Collettivo Furia Rossa (Sardegna)
SARDEGNA – Il Tribunale ha assolto tre giovani esponenti del collettivo “Furia Rossa” di Oristano dall’accusa di diffamazione nei confronti di alcuni agenti di polizia. Gli agenti li avevano denunciati per alcune frasi apparse sul blog del collettivo nel 2015, dopo lo sfratto di una famiglia di Arborea. I poliziotti avevano chiesto 220 mila euro di risarcimento, il PM aveva chiesto la condanna a 8 mesi di reclusione.
Riportano la notizia tra gli altri vistanet.it (leggi) e linkoristano.it (leggi)

Geo Nocchetti (Campania)
NAPOLI – Il sindaco di Casapesenna, Marcello De Rosa è sotto processo per diffamazione nei confronti del giornalista della TgR Rai Geo Nocchetti per alcune affermazioni diffamatorie pronunciate durante una conferenza stampa. Nel settembre del 2014 De Rosa, accusò il giornalista dicendo che lui e la sua troupe si erano introdotti nel suo ufficio con una vera e propria “incursione”.
Riporta la notizia ireporters.it (leggi)

Filippo Roma (Lazio)
ROMA – L’inviato delle Iene Filippo Roma è stato insultato e spintonato da alcuni attivisti del Movimento 5 Stelle durante una manifestazione di protesta che si è svolta a Roma sabato 15 febbraio 2020, per iniziatova del Movimento.
L’inviato è stato aggredito verbalmente con espressioni di questo genere : “Servo, vai dai tuoi padroni”, “buffone, buffone”, “vai a fare…”, “mafioso”. Quindi è stato costretto a lasciare la zon della manifestazione.
Riportano la notizia Il Giornale (leggi), il Sussidiario (leggi), Il Secolo d’Italia (leggi) e Il Messaggero (leggi)

Redazione Il Giornale di Pantelleria (Sicilia)
Facebook ha oscurato la pagina de Il Giornale di Pantelleria è ha cancellato i suoi contenuti in seguito a ripetute segnalazioni di spam o contenuto offensivo a partire dal 20 gennaio 2020.
E’ quanto denuncia il direttore della testata Marina Cozzo.
Riportano la notizia Sferamagazine (leggi) e Studio93.it (leggi)

Patrizio Iavarone, Simona Pace (Abruzzo)
SULMONA (L’Aquila) – Il Tribunale di Sulmona ha archiviato il procedimento per diffamazione nei confronti di Teresa Nannarone, presidente del circolo cittadino del Pd, e dei giornalisti de Il Germe Patrizio Iavarone e Simona Pace. Erano stati querelati da Guerino Avignone, ex detenuto del carcere di Sulmona che si riteneva diffamato da alcune affermazioni della Nannarone riportate da Il Germe.
Riporta la notizia Reteabruzzo (leggi)

Valerio Zanotti, Mario Zaccherini (Emilia Romagna)
BOLOGNA – Il 5 febbraio 2020 il Tribunale di Bologna ha assolto Mario Zaccherini dall’accusa di diffamazione a mezzo stampa. Zaccherini era stato querelato in quanto autore dell’articolo “Autodromo e spoil system” pubblicato nell’agosto 2018 su leggilanotizia.it . Emessa sentenza di non luogo a procedere nei confronti del direttore Valerio Zanotti, imputato per omesso controllo.
Riporta la notizia leggilanotizia.it (leggi)

Angela Sabetta (Campania)
SALERNO – Il Tribunale di Salerno ha respinto la richiesta di risarcimento danni di 20mila euro da parte di una azienda di trasporti che aveva denunciato La Voce di Strada per un servizio del 2014 sul passaggio di un autobus per il trasporto studenti in una strada con divieto. Nel servizio si identificava il nome della ditta che ha perciò chiesto il risarcimento danni.
Riporta la notizia lo stesso giornale (leggi)

Luca Abete (web)
L’inviato di Striscia la Notizia Luca Abete è stato minacciato su fb da un utente che ha scritto: “Verrà il giorno che qualcuno ti rispedisce in quel di Avellino su una bella sedia a rotelle”.
A denunciarlo sul proprio profilo fb lo stesso Abete
Riporta la notizia Avellinotoday.it (leggi)

Nicola Baldarotta (Sicilia)
TRAPANI – CasaPound ha querelato per diffamazione il giornalista Nicola Baldarotta, direttore de Il Locale News, per un articolo critico sull’associazione neofascista.
A querelare per diffamazione Baldarotta è stato il responsabile del movimento di estrema destra, Gianluca Iannone, dopo la pubblicazione di un articolo che parlava dello striscione di CasaPound affisso a Trapani quando il sindaco Tranchida diede disponibilità di accogliere i migranti dell’Acquarius.
Solidarietà da parte dell’ANPI Trapani
Riportano la notizia tra gli altri tp24.it (leggi), Alqamah (leggi), tvio.it (leggi)

Orazio Di Stefano (Abruzzo)
VASTO – Il Tribunale ha assolto l’ex parlamentare Arnaldo Mariotti e il giornalista di sansalvomare.it Orazio Di Stefano dall’accusa di diffamazione nei confronti dell’ex assessore del comune di San Salvo Francesco Mazzaferro e della moglie. Mazzaferro li aveva querelati per un’intervista a Mariotti pubblicata nel settembre 2014 su sansalvomare.it durante la quale l’ex parlamentare parlò della eventuale cessione di un appezzamento di terra da parte del comune ai due coniugi come di uno scambio elettorale.
Riporta la notizia zonalocale.it (leggi)

Maurizio Pistocchi (Lombardia)
MONZA – Il Tribunale di Monza ha assolto con formula piena il giornalista Maurizio Pistocchi dall’accusa di diffamazione nei confronti dell’ex dirigente della Juventus Luciano Moggi. Moggi aveva chiesto come parte civile il risarcimento dei danni pari a 50mila euro.
Riporta la notizia malpensa24.it (leggi)

Giornalisti Pescara
PESCARA – I giornalisti de Il Centro e Il Messaggero il 10 gennaio 2020 sono stati aggrediti verbalmente davanti al tribunale di Pescara da alcuni avvocati degli imputati nel procedimento sul disastro di Rigopiano.
Solidarietà è stata espressa dall’Assostampa
La notizia su Abruzzolive (leggi) e sul sito della Fnsi (leggi)

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.