Realizzato nell'ambito del progetto OSSIGENO M.A.P. - MONITOR ASSIST AND PROTECT, co-finanziato da GMDF (Global Media Defense Fund), il Fondo creato nell'ambito della Campagna Globale per la Libertà dei Media nel quadro del Piano d'Azione dell'ONU per la Sicurezza dei Giornalisti e la tematica dell'Impunità. Il GMDF è stato sviluppato con l'obiettivo di facilitare la libertà dei media e migliorare l'accesso dei giornalisti ad una tutela legale specializzata e sensibile alla diversità di genere. Gli autori sono responsabili della scelta e della presentazione dei fatti contenuti in questa pubblicazione e delle opinioni ivi espresse, che non sono necessariamente quelle dell'UNESCO e non impegnano l'UNESCO.

Osservatorio

Rapporto Ossigeno maggio-luglio 2022: 261 giornalisti minacciati

Il monitoraggio in collaborazione con l’UNESCO. Il progetto M.A.P. (Monitoraggio Assistenza Protezione) – Le azioni di assistenza e sostegno

OSSIGENO 22 novembre 2022 – Fra maggio e luglio 2022, l’Osservatorio Ossigeno per l’Informazione ha rilevato in Italia minacce e intimidazioni che costituiscono violazioni del diritto di informazione contro 261 operatori dei media, in massima parte giornalisti, per un totale di 86 episodi. Il monitoraggio è stato eseguito in collaborazione con l’UNESCO, nell’ambito del progetto M.A.P. (Monitoraggio Assistenza Protezione), cofinanziato dal Global Media Defense Fund, il fondo creato nell’ambito della Campagna Globale per la Libertà dei Media nel quadro del Piano d’Azione dell’ONU per la Sicurezza dei Giornalisti e la tematica dell’Impunità.

EPISODI CERTIFICATI E PROBABILI – Rispetto al trimestre precedente, si registra un aumento dei casi di violazione: erano 52 tra febbraio e luglio (leggi il Rapporto). Questi episodi sono stati sottoposti ai livelli di verifica previsti dal Metodo Ossigeno. 53 casi di minacce rivolte a 192 giornalisti sono stati giudicati probabili violazioni del diritto di informazione. Dopo un controllo approfondito dei fatti, sono state certificate, invece, le minacce relative a 34 episodi, rivolte contro 69 giornalisti. La verifica approfondita ha compreso la consultazione dei minacciati, la conoscenza di quanto da essi pubblicato e l’acquisizione di documenti comprovanti la natura, la tipologia e la consistenza degli atti intimidatori o di ritorsione subiti.

Insieme ai casi, aumenta nel secondo trimestre anche la percentuale delle donne giornaliste minacciate che sale di quattro punti: dal 23 al 27. Spiccano, tra le altre, le vicende di Greta Beccaglia (leggi) e Lucia Piemontese (leggi).

TABELLA 1 – Minacce verificate e probabili

Casi verificati e probabili Numero di minacciati Minacciati al giorno % donne
Secondo trimestre   86 261 3 27
Primo trimestre   52 170 2 23

DALLA MAFIA IL 5 % DI ATTACCHI – La metà degli attacchi rilevati e catalogati, come nel trimestre precedente, proviene da singoli cittadini o da associazioni private; un quarto (25%) da autorità ed enti pubblici, in aumento rispetto all’inizio dell’anno (13%); l’8% proviene da imprese private (era il 12% nel trimestre precedente); un altro 8% dall’ambiente dei media, il 5% dalle mafie e altre organizzazioni criminali, quest’ultima categoria in diminuzione rispetto al precedente 13%.

VIOLENZE E ABUSI – Sugli episodi “verificati”, che hanno colpito 69 giornalisti e altri operatori dei media è stato possibile individuare la tipologia di minaccia. Fra le itimidazioni prevalgono i metodi violenti e gli abusi legali. Fra maggio e luglio 2022 gli “avvertimenti” sono stati la metà (il 53%) di tutte le intimidazioni rilevate da MAP; gli “abusi di azioni legali”(querele pretestuose, SLAPP) sono stati oltre un terzo (38%) del totale, le “aggressioni” un decimo. Le azioni legali pretestuose a scopo intimidatorio sono aumentate del 3% rispetto al trimestre febbraio-aprile.

TABELLA 2 – Tipologia violenze verificate (tra parentesi il confronto con il trimestre precente)

TIPOLOGIA VIOLENZE E ABUSI Percentuale Attacchi individuali
Avvertimenti 53% (57%) 37 (77)
Aggressioni 9% (6%) 6 (8)
Denunce legali 38% (35%) 26 (48)
Danneggiamenti 0 (1%) 0 (1)
Ostacolo all’informazione 0 (1%) 0 (2)
TOTALE 100% 69 (136)

57 AZIONI DI SUPPORTO A FAVORE DI 668 GIORNALISTI, 12 DI ASSISTENZA LEGALE –  Ossigeno ha erogato 51 azioni di supporto diretto e 6 azioni di sostegno indiretto a carattere generale, erogate a titolo gratuito a giornalisti in difficoltà. I beneficiari delle azioni dirette sono stati 68 giornalisti e altri operatori dei media. I beneficiari delle azioni indirette sono stati altri 600 operatori dei media. Per 12 casi Ossigeno ha attivato il proprio Ufficio di Assistenza Legale, che opera in collaborazione con Media Defence per aiutare giornalisti, reporter e blogger a difendere i loro diritti.

I BENEFICIARI

Di seguito alcuni degli articoli originali pubblicati sul web magazine di Ossigeno per raccontare le azioni di sostegno:

1) Archiviata dopo 6 anni la querela a due cronisti difesi da Ossigeno (leggi in italiano, in inglese);

2) Ossigeno difende in appello giornalista lucano che ha perso l’editore (leggi in italiano, in inglese);

3) Assistenza legale di Ossigeno all’autore del video sulle proteste anti immigrati nel quartiere Casal Bruciato, a Roma (leggi in italiano, in inglese); 

4) Condannati due giornalisti per diffamazione per aver pubblicato un rapporto dei vigili sulle multe di una settimana. Ossigeno li aiuta per le spese legali (leggi in italiano, in inglese); 

5) Libertà di stampa. Si è conclusa male una legislatura inconcludente (leggi in italiano); 

6) Il caso Molise e l’inarrestabile valanga di querele pretestuose (leggi in italiano); 

7) Riflessioni sul sequestro del telefono del giornalista francesco pesante (leggi in italiano);

8) Cronista e troupe Rete4 aggrediti e picchiati da inquilini sotto sfratto. Il problema della sicurezza dei giornalisti (leggi in italiano)

9) Minacce ai giornalisti. L’aggravante e le altre contromisure necessarie (leggi in italiano);

10) Allarme a Roma. 14 cronisti aggrediti in 14 giorni. Chi sono. Che cosa fare (leggi in italiano);

11) Ossigeno parte civile nel processo per molestie in diretta tv a Greta Beccaglia (leggi in italiano). 

 

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Sentitevi liberi di contribuire!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.