Violazioni verificate

15 ultime minacce accertate. Ecco i nomi

/
Fra il 17 novembre e il 6 dicembre 2019 in Calabria, Campania, Lazio, Marche, Puglia, Sicilia, Toscana, Veneto. Leggi i nomi dei cronisti presi di mira e i dettagli di ciascun episodio.

Ultime notizie – Newsletter – 6 dicembre

/
In sintesi tutte le informazioni pubblicate dall’Osservatorio sui giornalisti minacciati e le notizie oscurate con la violenza in Italia
Leggi e sentenze

Ossigeno-EESC: protezione penale diritto cronaca

/
Sollecitata una direttiva europea per ridurre l'impunità per gli attacchi ai giornalisti, che sono sempre più numerosi e diffusi
Libertà di stampa

Diritto cronaca. Un Codice di condotta per la polizia in Europa

/
8 linee guida per il rispetto reciproco scritte da ECPMF insieme a Ossigeno, EFJ, Index, OBCT e SEEMO., E' stato presentato a Brussels
Libertà di stampa

Giornalisti sotto scorta: saranno ascoltati dall'Antimafia

/
Al convegno di Articolo 21 presso la FNSI annunciata anche la riapertura del Centro di osservazione delle intimidazioni presso il Viminale
Libertà di stampa

“Più ossigeno alle giornaliste di inchiesta”

/
Con una piattaforma di collaborazione professionale e una rete internazionale di solidarietà. L'annuncio a Bari, al Forum Giornaliste del Mediterraneo
Violazioni probabili

25 violazioni molto probabili. Chi le ha subite

/
Nel periodo 15 ottobre-16 novembre 2019. I nomi e i dettagli degli episodi classificati da Ossigeno per l’Informazione che li segnala alle istituzioni
Violazioni verificate

34 ultime minacce accertate. Ecco i nomi

/
Fra il 15 ottobre e il 16 novembre 2019 in Abruzzo, Campania, Emilia Romagna, Lazio, Lombardia, Molise, Puglia, Sardegna, Sicilia, Trentino Alto Adige.

VIDEO. Tre pillole dal convegno impunità

/
Mennella, Spampinato, Pietro Grasso. DaIl' account twitter dell'Ufficio Stampa del Senato sull'incontro del 25 ottobre 2019
Libertà di stampa

Il convegno su Kuciak e la mafia in Slovacchia

/
Hanno parlato i genitori, i difensori, gli inquirenti- Interventi di Federico Cafiero De Raho, don Ciotti e Maria Grazia Mazzola